Stupri in Italia, i dati Istat rivelano il forte numero di stranieri violentatori | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Stupri in Italia, i dati Istat rivelano il forte numero di stranieri violentatori

1 Settembre 2017

I dati sulle denunce per stupro e abusi nel primo semestre del 2017 pubblicati dall’Istat e diffusi prima dal Corriere della Sera e poi dai principali quotidiani italiani forniscono dati oggettivi. Tuttavia, quel che è emerso dai servizi televisivi e dalla stragrande maggioranza degli articoli della stampa è che da quasi nessuna voce si è analizzata la portata degli stessi proprio nella loro oggettività.

Nel primo semestre 2017, infatti, le denunce per stupro o abusi in Italia sono state 2,438. queste violenze sono così distribuite: 1.534 a carico di italiani e 904 a carico di stranieri. Il dato che emerge è che a fronte di una popolazione italiana di 60.589.445, il numero di 1.534 presunti stupratori è in pratica di uno per ogni 39.497,68 Italiani, mentre a fronte di una presenza di stranieri di 5.047.028, il numero di 904 presunti autori di questi reati rileva una media di un presunto stupratore per ogni 5.583,00 stranieri.

In sostanza, dalla rilevazione Istat emerge che due quinti delle violenze sessuali e degli abusi denunciati alle forze dell’ordine dalle vittime sarebbero compiuti da stranieri (circa il 37 per cento). Dati impressionanti, vista l’enorme differenza numerica che esiste fra Italiani e stranieri.

I dati di questi primi sei mesi del 2017, inoltre, non sono molto diversi da quelli del 2016, quando stupri e abusi denunciati erano stati 2.383, suddivisi in questo modo: 1.474 compiuti da italiani, 909 da stranieri. In pratica, si tratta quindi di un trend.

Ma gli stupri denunciati sono molto inferiori numericamente a quelli realmente consumati, perché nella stragrande maggioranza dei casi le violenze sessuali non vengono denunciate dalle vittime. “È proprio l’Istat – scrive il Corriere della Sera – a fornire una fotografia drammatica. Secondo l’ultimo rapporto ben il 21 per cento delle donne italiane – pari a 4,5 milioni – è stata costretta a compiere atti sessuali e 1 milione e mezzo ha subito la violenza più grave: 653mila donne vittime di stupro, 746mila di tentato stupro”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.