13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.09

la sentenza della Corte fa discutere

Stupro a donna ubriaca, Cassazione esclude l’aggravante. Papatheu: “Attueremo la Carta di Taormina”

18 Luglio 2018

La decisione assunta dalla Corte di Cassazione in merito alla casistica dello stupro di donna ubriaca non può essere accettata dalle donne che da anni si battono per il rispetto della propria dignità e rivendicano il diritto a misure di legge idonee contro le violenze sessuali“. Lo afferma la senatrice messinese di Forza Italia, Urania Papatheu, che nei giorni scorsi ha promosso ed organizzato la firma a Taormina, della “Carta della non violenza”, redatto dall’Associazione Mede@ e sottoscritto alla presenza di numerose autorità e con l’attrice Claudia Cardinale madrina d’eccezione dell’iniziativa.

Fa discutere, infatti, il pronunciamento della Corte Suprema in merito ad una giovane donna, violentata da due 50enni, che aveva bevuto troppo, fino a “non riuscire ad autodeterminarsi”. Per i giudici lo stupro di gruppo c’è stato ma va esclusa l’aggravante per l’uso di sostanze alcoliche o stupefacenti perché la ragazza ha assunto alcol ‘volontariamente’ “.

“A mio avviso – spiega la senatrice Papatheusiamo invece in presenza di un’aggravante, perché abusare di una donna priva di coscienza o comunque non capace di autodeterminarsi è ancora più riprovevole. L’assunzione volontaria di alcol non può esentare l’aggressore dalla sussistenza dell’aggravante e da un aumento di pena. La gravità dell’atto non può essere tollerata o commisurata al fatto se sia stato il soggetto attivo ad usare l’alcol per la violenza ‘somministrandola alla vittima’. Questa sentenza è motivo di ulteriore apprensione tra le donne e anche di questo discuteremo, pertanto, già nei prossimi giorni al Tavolo Tecnico Permanente istituito con la firma della “Carta di Taormina”. Ma soprattutto Forza Italia predisporrà ulteriori iniziative in materia a tutela delle donne, portandole all’attenzione del Parlamento e del Senato”.

La “Carta di Taormina” è nata per dare vita ad un modello di assistenza e supporto alle vittime di violenza, con un codice etico ed patto di cooperazione e collaborazione tra gli enti no profit impegnati sul territorio con un ruolo di contrasto al fenomeno. “Vogliamo rendere attuativi i principi e gli obiettivi contenuti nel documento – conclude Papatheu – per rendere più incisive le politiche di tutela e prevenzione e per migliorare la legislazione e le prassi esistenti in materia”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.