Successo di pubblico per "Le Cirque Invisible", lo spettacolo che invita a ritornare bambini :ilSicilia.it
Palermo

La recensione

Successo di pubblico per “Le Cirque Invisible”, lo spettacolo che invita a ritornare bambini

di
9 Gennaio 2018

Qualcuno, esperto della materia, diceva che “si va a teatro a proprio rischio e pericolo”, in altre parole la replica della vita sulla scena chiama in causa lo spettatore, sempre.

La considerazione ci è tornata in mente assistendo alla prima dello spettacolo “Le Cirque Invisible”, in replica al teatro Biondo di Palermo fino al 14 gennaio.

Protagonisti della piéce sono il “bambino vecchioJean-Baptiste Thierrée e la leggiadra Victoria Chaplin, due opposti che s’incontrano e si bilanciano in uno spettacolo che gira il mondo da quasi trent’anni.

Non nascondiamo lo smarrimento provato sin dalle prime battute nell’assistere a quanto era stato presentato come una “parentesi di disincantata magia nella razionalità quotidiana“.

La ripetizione degli sketch del canuto Thierrée, sempre in dialogo con il pubblico, fin troppo scontati nel raccontare momenti vuoti di senso, contrapposti alle silenziosissime e aggraziate movenze della minuta erede Chaplin hanno, all’improvviso, svelato l’anima dello spettacolo.

Se avessimo continuato a guardare una vecchia coppia di artisti, che puntano a regalare attimi di disincanto, con gli occhi degli adulti avremmo nutrito lo stesso disappunto dei primi minuti correndo quel famoso rischio citato all’inizio; in questo caso il rischio di non ritornare bambini, anche solo per un paio d’ore.

Il senso tanto ricercato non c’era: perché è così che i piccoli, prima di diventare adulti inquadrati e pronti al giudizio, vedono la vita che scorre sotto i loro occhi, godendo della leggerezza di bolle di sapone che, scoppiate, risuonano di campanellini o del candore di conigli e papere che, inconsapevoli, si rincorrono sulla scena.

Se è vero, poi, che ci si avvicina all’arte per continuare a porsi delle domande questo spettacolo ha assolto la sua funzione se, uscendo dal teatro, ci interrogheremo, anche solo per un momento, sulla nostra capacità di spogliarci dei panni degli adulti e respirare l’innocenza dell’età infantile.

La forza del “circo invisibile”, dunque, con i diversi “quadri” che si alternano sul palco, che non vi anticipiamo, sta tutta qui e l’invito, in uno spettacolo che ha strappato più di un applauso a scena aperta, è di non perdere l’occasione di misurarsi con questa prova.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.