Successo per Ballarò Buskers Festival, oltre quindici mila i visitatori [Foto] :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti
Palermo

Musica, colori e la magica atmosfera

Successo per Ballarò Buskers Festival, oltre quindici mila i visitatori [Foto]

di
24 Ottobre 2017

Il Ballarò Buskers Festival ha chiuso i battenti registrando un grande successo di pubblico anche per questa seconda edizione.

Sono stati più di quindici mila i visitatori palermitani e stranieri, grandi e piccini, che hanno affollato le strade e le piazze del quartiere Albergheria in questi tre giorni.

Le risate dei bambini, gli occhi pieni di incanto, la musica, i colori e soprattutto la magica atmosfera, riecheggeranno ancora per diverso tempo tra i vicoli dello storico mercato.

Il quartiere pedonalizzato per l’occasione è stato invaso (venerdì 20, sabato 21 e domenica 22) da famiglie con bambini, artisti, musicisti, poeti e tanti turisti. Sono stati tre giorni all’insegna delle arti di strada per celebrare un quartiere, le sue bellezze e la sua straordinaria ospitalità.

Quest’anno il BBF, patrocinato dal Comune, è uscito fuori dal percorso classico del quartiere ed è arrivato fino alla Cattedrale. Sabato accolta dall’associazione Cassaro Alto, la parata di artisti ha attraversato il piano della Cattedrale, piazza Bologni, i Quattro Canti, piazza Pretoria e piazza Bellini, conducendo tutta Palermo verso la sua magica Ballarò.

Domenica, da piazza Massimo, lungo la via Maqueda sfilando all’interno di piazza Pretoria. Dentro il Mercato il suono dei tamburi dei ragazzi africani si è mescolato con i ritmi della carovana musicale dei catanesi Sambazita.

Gli gnam africani con le crocchè palermitane. Un potpourri di emozioni che si sono amalgamate tra diverse culture e religioni, balli, sapori, odori, spettacoli e musica. Il prossimo anno la manifestazione Ballarò Buskers Festival sarà inserita dentro la programmazione di ‘Palermo capitale della Cultura’ come ha annunciato nel corso della conferenza stampa l’assessore alla cultura del Comune di Palermo Andrea Cusumano.

Ballarò si conferma come luogo di accoglienza, condivisione e incontro – lo ha detto Massimo Castiglia, presidente della prima circoscrizione e fondatore di Sos Ballarò – con il grande e bellissimo risultato ottenuto dalla manifestazione che va aldilà dei numeri fatti, degli spettacoli artisti, del clima che si è respirato, della presenza dei tantissimi turisti entusiasti di conoscere il quartiere sotto una luce completamene diversa, sta nel fatto che moltissimi palermitani hanno riscoperto il Mercato Storico, la bellezza che contiene questo quartiere non solo di carattere architettonico ma soprattutto umano. Voglio ringraziare le attività commerciali e tutti quelli che hanno accolto e intrattenuto gli ospiti. Invitiamo tutti quelli che sono venuti in questi tre giorni a tornare presto a fare la spesa a Ballarò“.

Palermo gioiosa e multiculturale, Palermo operosa e coinvolgente. Palermo viva. – ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando – Tutto questo abbiamo visto in questi giorni a Ballarò e in tutto il centro storico. Una splendida festa nata dall’unione di amore, passione, arte e competenze. L’amore dei residenti e dei commercianti per i quartieri storici, la passione degli organizzatori della manifestazione, l’arte e le competenze dei tanti artisti che hanno portato gioia, gioco e sorrisi per migliaia di palermitani e turisti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco