"Sud Chiama Nord", De Luca: "Partiamo da Sicilia per liberare Italia dai vecchi partiti" CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

le dichiarazioni

“Sud Chiama Nord”, De Luca: “Partiamo da Sicilia per liberare Italia dai vecchi partiti” CLICCA PER IL VIDEO

di
27 Giugno 2022

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Poche chiacchiere e molti fatti: il movimento politico Sud Chiama Nord coinvolgerà nuovamente i cittadini, oggi più che mai disamorati dal teatrino dei partiti vecchi e nuovi, per liberare insieme l’Italia, partendo dalla Sicilia”.

Lo affermano, in una dichiarazione congiunta, Cateno De Luca e Dino Giarrusso annunciando nome e simbolo del loro partito politico, ‘Sud Chiama Nord’, in una conferenza stampa all’Assemblea regionale siciliana. Illustrati il progetto politico di Sicilia Vera in vista delle primarie siciliane e la nuova formazione politica nazionale guidata dall’eurodeputato Giarrusso, che sarà parte integrante del progetto regionale “De Luca sindaco di Sicilia”.

Si tratta di un nuovo progetto meridionalista nato a Messina e che va tessendo alleanze, tutte orientate a risolvere il malessere dei cittadini scontenti della politica. Il partito sarà impegnato per la prima volta nelle elezioni regionali che si svolgeranno in Sicilia il prossimo autunno, ma ha già iniziato interlocuzioni con altre forze civiche e associazioni presenti in tutte le Regioni italiane, con lo scopo, appunto, di federare e compattare tutte quelle realtà politiche avulse dai due grandi poli –  centrodestra e centrosinistra – “che da tempo non rappresentano decine di milioni di cittadini italiani, non a caso sempre più disaffezionati alla politica e propensi a disertare le urne”, aggiungono De Luca e Giarrusso.

Giarrusso sarà il segretario nazionale e De Luca il coordinatore, affiancati dalla ex-iena Ismaele La Vardera, portavoce del movimento Sicilia Vera, candidato alle regionali e presidente del partito. I due si candideranno insieme alle regionali e “Andremo in ticket – annunciano – De Luca presidente, Giarrusso vice. Sud Chiama Nord sarà presente nella Lista comune con De Luca sindaco di Sicilia, e sono già migliaia le richieste di adesione, sia da chi vuole per la prima volta impegnarsi personalmente, sia da chi è rimasto deluso da altre esperienze, destra sinistra e Cinque stelle, scappando a gambe levate da un sistema incancrenito. Sarà fondamentale – sottolineano – il rapporto con sindaci, consiglieri e amministratori locali: sono loro la prima presenza istituzionale, e con loro la politica “alta” deve collaborare, non rendergli la vita difficile come ha fatto negli ultimi decenni. Non è un caso se abbiamo appena stravinto a Messina con Federico Basile, e se il progetto per le regionali si chiama “Sindaco di Sicilia”: tantissimi sindaci hanno già aderito a questo progetto di liberazione”.

Oggi – precisano De Luca e Giarrusso – nasce una speranza non solo per la nostra isola, ma per tutto il meridione e il paese: una politica vicina al popolo, dove viene realmente premiata la partecipazione democratica e dove chiunque, dal semplice cittadino al sindaco, può proporre iniziative, leggi, idee, e proporsi in prima persona per partecipare. Aver unito il nostro cammino ha già creato due terremoti: fra cittadini e amministratori locali, perché in moltissimi vogliono salire a bordo, e fra i vecchi partiti perché in tanti presi dal panico ci hanno offerto qualunque cosa pur di recedere ed accasarci con loro. Noi – chiosano Cateno De Luca e Dino Giarrusso –preferiamo l’entusiasmo del popolo alle lusinghe dei partiti, e andiamo dritti per la nostra strada: a Novembre la Sicilia si risveglierà finalmente liberata, e da lì partirà un nuovo cammino affinché sia libera l’Italia intera”.

Bisogna dire basta alla vecchia mentalità, come sottolineano il candidato alla presidenza della Regione e l’europarlamentare catanese: la guerra tra Nord e Sud non fa bene all’economia del Paese, e l’obiettivo è, dunque, far capire che un Sud forte fa bene a tutta l’Italia, una forza che sia solidale e federativa è benefica per tutti, per unire l’Italia.

“Sarà un movimento popolare ed al tempo stesso un partito – spiegano in una nota – che, ispirandosi ai principi autonomistici e federativi dei territori, vuole definire ed attuare un concreto ‘patto di solidarietà Sud Nord’, integrando un nuovo quadro di politiche nazionali ed europee finalizzate ad eliminare le sperequazioni sociali economiche ed infrastrutturali tra il meridione ed il resto dei territori europei che non rendono competitivo il “Sistema Italia”.

Dobbiamo dare lavoro ai nostri cittadini – aggiungono Giarrusso e De Luca – non parlare astrattamente di lavoro. Dobbiamo assicurare sicurezza alle nostre città facilitando autenticamente la funzione delle forze dell’ordine, non parlare di sicurezza in modo generico, come se dipendesse dal caso. Sappiamo che garantire una maggiore efficienza, competitività e miglior tenore di vita al Sud avrebbe un eccellente impatto positivo, economico, sociale e di sviluppo, anche per tutte le regioni del Nord Italia, creando finalmente un paese che corre compatto alla stessa velocità, e che – sottolineano Giarrusso e De Luca – sarà molto più competitivo non solo in Europa ma nell’ormai globalizzato mercato mondiale”.

Seguo con interesse il tuo progetto perché la politica è rovinata dalla stessa politica e dall’antipolitica come dimostra la scelta di Di Maio che ha abbandonato il Movimento 5 stelle, perché quel progetto è stato stravolto dall’idea di partenza. Quello che occorre è passione ed entusiasmo e la tua è una follia lucida che ha portato alla vittoria a Messina del tuo candidato. Tu sei l’espressione di un anti-potere per eccellenza in nome della libertà e della giustizia”.

Lo ha detto Vittorio Sgarbi in videocollegamento con la conferenza stampa di Cateno De Luca che oggi all’Ars ha presentato le prime due liste a sostegno della sua candidatura a governatore in Sicilia. Una delle due liste porta il nome “Sicilia vera – Rinascimento Sgarbi”, ha sottolineato Sgarbi rivolgendosi a Cateno De Luca.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro