Sudore e piacere. Il rito estivo della pasta con i tenerumi | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Un gustoso primo della tradizione palermitana

Sudore e piacere. Il rito estivo della pasta con i tenerumi

di
1 Agosto 2017

Ebbene sì, per il palermitano la pasta con i tenerumi rappresenta un rito superiore da celebrare ogni estate. Non si tratta di un semplice primo piatto da degustare in un ristorante, ma di un momento sacro da ripetere almeno una volta l’anno a casa.

Ed è qui che la moglie assurge al ruolo di protagonista. Infatti, è lei che con studio attento e ponderato individua la giornata ideale. La pasta con i tenerumi non va mangiata in un giorno qualunque. La dea del focolare domestico deve essere capace di individuare con netto anticipo il giorno in cui la temperatura oscillerà dai 38 ai 40 gradi all’ombra.

Per il marito deve essere un connubio di sudore e piacere. I tenerumi, considerati da alcuni prodotto di scarto, cosiddette “pezze”, o addirittura non inclusi tra le verdure commestibili, per i palermitani rappresentano una prelibatezza per cui vale la pena rischiare un calo di pressione.

Anche la preparazione non è data al caso e come nei riti tradizionali assume un rilievo fondamentale. I tenerumi, puliti in maniera maniacale, insieme ai “giummi”, germogli, vengono immersi dentro una pentola con acqua e sale e si fanno cucinare sino a fare “spaccare u vugghiu ra pignata”, ovvero portarli alla giusta bollitura. Contestualmente in un padellone si prepara il “pic pac”, o come dicevano le nostre nonne il “picchio pacchio”, che sarebbe pomodoro a pezzetti “ngranciatu”, soffritto, con l’aglio e un po’ di peperoncino.

Anche il tipo di pasta è da attenzionare. Non un tipo qualunque, ma spaghettone n° 4 spezzettato e rispezzettato all’interno di una “mappina”, strofinaccio, e successivamente messo in pentola insieme ai tenerumi. A fine cottura assisteremo estasiati a quello che è un altro passaggio del rito: lo “sversamento” del “picchio pacchio” all’interno della pentola incandescente.

A questo punto la pietanza può essere servita in un piatto fondo, aggiungendo del pepe nero quanto basta.

Ma è adesso che entra in scena come nelle più celebri opere teatrali il co-protagonista, ossia il marito. “U masculu ra casa”, prima di sedersi a tavola per consumare il tanto agognato piatto, ha un compito non indifferente: riuscire a posizionarsi nel posto più arieggiato della cucina, laddove la triangolazione tra le finestre consenta di ottenere la ventilazione ottimale.

Infine, l’ultimo atto prima di passare alla tanto agognata degustazione: “la vestizione”. La pasta con i tenerumi va mangiata rigorosamente in bermuda e canottiera a costine, per asciugare il sudore e “mappina” avvolta in testa per evitare gocciolamenti vari.

Si consuma così l’antico rito della pasta con i tenerumi a Palermo, nell’attesa che il cambio delle stagioni porti il palermitano verso altri odori e sapori.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin