Sudore e piacere. Il rito estivo della pasta con i tenerumi | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Un gustoso primo della tradizione palermitana

Sudore e piacere. Il rito estivo della pasta con i tenerumi

di
1 Agosto 2017

Ebbene sì, per il palermitano la pasta con i tenerumi rappresenta un rito superiore da celebrare ogni estate. Non si tratta di un semplice primo piatto da degustare in un ristorante, ma di un momento sacro da ripetere almeno una volta l’anno a casa.

Ed è qui che la moglie assurge al ruolo di protagonista. Infatti, è lei che con studio attento e ponderato individua la giornata ideale. La pasta con i tenerumi non va mangiata in un giorno qualunque. La dea del focolare domestico deve essere capace di individuare con netto anticipo il giorno in cui la temperatura oscillerà dai 38 ai 40 gradi all’ombra.

Per il marito deve essere un connubio di sudore e piacere. I tenerumi, considerati da alcuni prodotto di scarto, cosiddette “pezze”, o addirittura non inclusi tra le verdure commestibili, per i palermitani rappresentano una prelibatezza per cui vale la pena rischiare un calo di pressione.

Anche la preparazione non è data al caso e come nei riti tradizionali assume un rilievo fondamentale. I tenerumi, puliti in maniera maniacale, insieme ai “giummi”, germogli, vengono immersi dentro una pentola con acqua e sale e si fanno cucinare sino a fare “spaccare u vugghiu ra pignata”, ovvero portarli alla giusta bollitura. Contestualmente in un padellone si prepara il “pic pac”, o come dicevano le nostre nonne il “picchio pacchio”, che sarebbe pomodoro a pezzetti “ngranciatu”, soffritto, con l’aglio e un po’ di peperoncino.

Anche il tipo di pasta è da attenzionare. Non un tipo qualunque, ma spaghettone n° 4 spezzettato e rispezzettato all’interno di una “mappina”, strofinaccio, e successivamente messo in pentola insieme ai tenerumi. A fine cottura assisteremo estasiati a quello che è un altro passaggio del rito: lo “sversamento” del “picchio pacchio” all’interno della pentola incandescente.

A questo punto la pietanza può essere servita in un piatto fondo, aggiungendo del pepe nero quanto basta.

Ma è adesso che entra in scena come nelle più celebri opere teatrali il co-protagonista, ossia il marito. “U masculu ra casa”, prima di sedersi a tavola per consumare il tanto agognato piatto, ha un compito non indifferente: riuscire a posizionarsi nel posto più arieggiato della cucina, laddove la triangolazione tra le finestre consenta di ottenere la ventilazione ottimale.

Infine, l’ultimo atto prima di passare alla tanto agognata degustazione: “la vestizione”. La pasta con i tenerumi va mangiata rigorosamente in bermuda e canottiera a costine, per asciugare il sudore e “mappina” avvolta in testa per evitare gocciolamenti vari.

Si consuma così l’antico rito della pasta con i tenerumi a Palermo, nell’attesa che il cambio delle stagioni porti il palermitano verso altri odori e sapori.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.