Sui porti Crocetta la butta in caciara. "Responsabilità di altri pupari" :ilSicilia.it
Catania

Smascherato da Delrio, il governatore si difende così

Sui porti Crocetta la butta in caciara. “Responsabilità di altri pupari” e spunta il documento inviato dal Ministro Delrio: “Ti comunico..”

di
3 Febbraio 2017

“Il ministro Delrio dice che toglierà l’autorità portuale da Augusta a Catania ma non è così, perché il porto Core rimane sempre Augusta. Questo poiché c’è un alternanza e lo farà perché l’ho chiesto io. A dirlo il presidente della Regione Rosario Crocetta durante una conferenza stampa sulle autorità portuali nella sede della città Metropolitana di Messina.

 

international_terminal_service_augusta_1Sull’epopea legate al sistema dei porti siciliani “vedremo presto chi sono i pupari”. E aggiunge: “Mi chiedo come mai sullo scambio tra Augusta e Catania il ministro dica che il trasferimento è stato chiesto da me, ma adesso non blocca l’accorpamento di Messina a Gioia Tauro”. Crocetta, si è presentato in conferenza stampa con tutta la documentazione e le comunicazioni intercorse col ministro Graziano Delrio. C’è una lettera dello scorso febbraio con la quale contestava l’accorpamento di Messina con Gioia Tauro e un’altra dello scorso 30 gennaio con la quale non dava il consenso per la nomina di Andrea Annunziata come presidente dell’Autorità Portuale di Catania.

 

 

“Deroghe agli accorpamenti delle preesistenti Autorità portuali qualora non motivate da ragioni di reale pregiudizio delle attività in corso, rischierebbero di ritardare la costituzione e la piena funzionalità delle nuove autorità di sistema portuale e di vanificare così il raggiungimento degli obiettivi perseguiti dalla norma”. Così il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, scriveva al governatore Rosario Crocetta il 27 ottobre scorso come si legge nella lettera resa nota stamani dal ministero. “Per quanto sopra e tenuto conto dell’istruttoria tecnica effettuata dalla competente direzione generale – scrive il ministro a Crocetta – ti comunico, nello spirito di leale collaborazione che contraddistingue i nostri rapporti, che non sarà possibile accogliere la richiesta di proroga relativa all’autorità portuale di Catania, mentre, per quanto riguarda l’istituenda sede dell’Autorità di sistema portuale del Mare di Sicilia orientale, sì concorda con la proposta di individuazione della stessa presso gli uffici della soppressa Autorità portuale di Catania, ancorché per un periodo transitorio non superiore a due anni. E ancora, “relativamente all’Autorità portuale di Messina – proseguiva il ministro – sono in procinto di proporre al presidente del Consiglio dei ministri l’accoglimento della relativa richiesta di proroga fino alla chiusura dell’esercizio finanziario in corso (30 giugno 2017). Inoltre,porti crocetta delrio per quanto riguarda il porto di Trapani, si rammenta che lo stesso non è più sede di Autorità portuale dall’anno 2009 e, pertanto, la richiesta avanzata con nota del 12 settembre 2016 non può trovare accoglimento”.

 

“Nel caso di Augusta e Catania – ha aggiunto Crocetta – la situazione è particolare. Si tratterebbe per me di tifare per una città siciliana piuttosto che per un’altra, ma su Messina faremo una battaglia infinita, useremo ogni strumento legale e politico per difendere la città. Purtroppo chi mi deve difendere in questa battaglia si è consegnato a Roma contro la Sicilia. Io ho chiesto di non farlo. La nostra posizione come Regione Siciliana è ferma. Su Messina non faremo sconti, ha ribadito.

Crocetta chiede che il Governo congeli adesso le nomine e faccia partire una concertazione reale con il territorio. Secondo il Governatore questa battaglia, di carte e documenti, sarebbe solo un atto per delegittimarlo in vista delle prossime elezioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin