Sui porti Crocetta la butta in caciara. "Responsabilità di altri pupari" :ilSicilia.it
Catania

Smascherato da Delrio, il governatore si difende così

Sui porti Crocetta la butta in caciara. “Responsabilità di altri pupari” e spunta il documento inviato dal Ministro Delrio: “Ti comunico..”

di
3 Febbraio 2017

“Il ministro Delrio dice che toglierà l’autorità portuale da Augusta a Catania ma non è così, perché il porto Core rimane sempre Augusta. Questo poiché c’è un alternanza e lo farà perché l’ho chiesto io. A dirlo il presidente della Regione Rosario Crocetta durante una conferenza stampa sulle autorità portuali nella sede della città Metropolitana di Messina.

 

international_terminal_service_augusta_1Sull’epopea legate al sistema dei porti siciliani “vedremo presto chi sono i pupari”. E aggiunge: “Mi chiedo come mai sullo scambio tra Augusta e Catania il ministro dica che il trasferimento è stato chiesto da me, ma adesso non blocca l’accorpamento di Messina a Gioia Tauro”. Crocetta, si è presentato in conferenza stampa con tutta la documentazione e le comunicazioni intercorse col ministro Graziano Delrio. C’è una lettera dello scorso febbraio con la quale contestava l’accorpamento di Messina con Gioia Tauro e un’altra dello scorso 30 gennaio con la quale non dava il consenso per la nomina di Andrea Annunziata come presidente dell’Autorità Portuale di Catania.

 

 

“Deroghe agli accorpamenti delle preesistenti Autorità portuali qualora non motivate da ragioni di reale pregiudizio delle attività in corso, rischierebbero di ritardare la costituzione e la piena funzionalità delle nuove autorità di sistema portuale e di vanificare così il raggiungimento degli obiettivi perseguiti dalla norma”. Così il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, scriveva al governatore Rosario Crocetta il 27 ottobre scorso come si legge nella lettera resa nota stamani dal ministero. “Per quanto sopra e tenuto conto dell’istruttoria tecnica effettuata dalla competente direzione generale – scrive il ministro a Crocetta – ti comunico, nello spirito di leale collaborazione che contraddistingue i nostri rapporti, che non sarà possibile accogliere la richiesta di proroga relativa all’autorità portuale di Catania, mentre, per quanto riguarda l’istituenda sede dell’Autorità di sistema portuale del Mare di Sicilia orientale, sì concorda con la proposta di individuazione della stessa presso gli uffici della soppressa Autorità portuale di Catania, ancorché per un periodo transitorio non superiore a due anni. E ancora, “relativamente all’Autorità portuale di Messina – proseguiva il ministro – sono in procinto di proporre al presidente del Consiglio dei ministri l’accoglimento della relativa richiesta di proroga fino alla chiusura dell’esercizio finanziario in corso (30 giugno 2017). Inoltre,porti crocetta delrio per quanto riguarda il porto di Trapani, si rammenta che lo stesso non è più sede di Autorità portuale dall’anno 2009 e, pertanto, la richiesta avanzata con nota del 12 settembre 2016 non può trovare accoglimento”.

 

“Nel caso di Augusta e Catania – ha aggiunto Crocetta – la situazione è particolare. Si tratterebbe per me di tifare per una città siciliana piuttosto che per un’altra, ma su Messina faremo una battaglia infinita, useremo ogni strumento legale e politico per difendere la città. Purtroppo chi mi deve difendere in questa battaglia si è consegnato a Roma contro la Sicilia. Io ho chiesto di non farlo. La nostra posizione come Regione Siciliana è ferma. Su Messina non faremo sconti, ha ribadito.

Crocetta chiede che il Governo congeli adesso le nomine e faccia partire una concertazione reale con il territorio. Secondo il Governatore questa battaglia, di carte e documenti, sarebbe solo un atto per delegittimarlo in vista delle prossime elezioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti