Suicidio all'ex Ospedale psichiatrico giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto, Apprendi: "Strutture non adeguate" :ilSicilia.it
Messina

le dichiarazioni del presidente di Antigone sicilia

Suicidio all’ex Ospedale psichiatrico giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto, Apprendi: “Strutture non adeguate”

16 Settembre 2019

Un altro ventenne oggi si é tolto la vita nell’ex Ospedale psichiatrico giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto. È il sesto suicidio dal gennaio 2015 ad oggi. Tutti giovani il più  piccolo 20 anni il più grande 42 anni.

La situazione é  davvero esplosiva. Con la chiusura dell’OPG e il passaggio delle competenze sanitarie dallo Stato alla Regione ci si aspettava molto di più, bisognava creare strutture alternative in grado di rispondere al crescente numero di detenuti con disturbi psichiatrici sopravvenuti anche durante la detenzione“, lo afferma Pino Apprendi di Antigone Sicilia.

Il numero dei suicidi é abnorme rispetto al numero dei detenuti nell’Istituto, 200 e rispetto al numero totale dei suicidi in Sicilia,22 nelle 23 carceri e alla popolazione carceraria  complessiva di circa 6400 detenuti. L’ottavo reparto, salute mentale,  di Barcellona Pozzo di Gotto su 200 ospita oltre 50 ristretti disturbati“, aggiunge Apprendi.

La salute mentale dell’Asp di Messina non ha mai preso del tutto in carico questo reparto che manca del sostegno necessario. Assenza di attività trattamentale e prestazioni specialistiche. Il personale della Polizia Penitenziaria é  sottodimensionato e insufficiente per una struttura che presenta questi problemi. A giugno, un incendio causato da alcuni detenuti aveva costretto alcuni agenti a ricorrere alle cure ospedaliere per avere cercato di spegnere l’incendio. Lunedì 23 visiterò il carcere con una delegazione di Antigone“, conclude Pino Apprendi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.