Sul palco del Teatro Politeama Abel Selaocoe, un viaggio tra culture diverse e improvvisazione :ilSicilia.it
Palermo

Per la stagione degli Amici della Musica

Sul palco del teatro Politeama Abel Selaocoe: un viaggio tra culture diverse e improvvisazione

di
4 Marzo 2018

Il primo concerto del mese di marzo per la stagione degli Amici della Musica vedrà, il martedì 6  (ore 21), sul palco del teatro Politeama il violoncellista sudafricano Abel Selaocoe.

Nato con il ritmo nel sangue fin da bambino, in Sudafrica, inseguiva il suo sogno sfidando la povertà di tutti i giorni, un sogno che ha preso lentamente forma grazie a una borsa di studio vinta a tredici anni.

Selaocoe suonerà a Palermo con Alastair Mcmath al contrabasso e Yahael Onono alle percussioni: un viaggio attraverso culture diverse, dove l’influenza africana si contrappone al repertorio classico di Bach e Debussy e dove l’improvvisazione trova ampio spazio.

Da Sebokeng a Manchester, dove Selaocoe vive da anni, sempre in tour in tutto il mondo coi suoi concerti. Ma la “sua” Africa, quella in cui costruiva mucche in miniatura fatte con l’argilla del fiume e le dipingeva con colori diversi per poterle vendere, o costruiva macchinine con cartoni di latte e strumenti musicali con barili di petrolio cantando tutto il giorno, gli è rimasta dentro.

Ed è questa la fonte di ispirazione per la sua musica. Un percorso duro, fatto di ostacoli e sacrifici in un paese che, “anche se ormai in regime democratico – ha dichiarato il musicista – continua a sopportare le cicatrici dell’oppressione. Abbiamo imparato a sognare, non importa quanto tutto sembrava fuori dalla nostra portata, e siamo arrivati a riconoscere che il talento, il duro lavoro e la coerenza non hanno colore o classe”.

L’artista ha fondato un ensemble di musica mondiale chiamato Kabantu, che prende ispirazione dalla musica tradizionale di diverse parti del mondo, dal Sudafrica alla Bulgaria fino alla Scozia.

Il gruppo si è esibito ai BBC Proms, al Fishguard International Festival, al BBC Free Thinking Festival, alla Bridgewater Hall e recentemente ha vinto il Royal over-seas league competition.

Come violoncellista solista Salaocoe ha vinto il Royal over-seas award e il premio del pubblico per il Prince’s Prize della Musicians Company.

Ricordiamo, infine, il duetto con Giovanni Sollima e il passaggio al festival “O / Modernt” di Hugo Ticciatti.

Per ulteriori informazioni sul sito.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.