Sul piccolo schermo i "Liberi sognatori". Storie di eroi, da Mario Francese a Emanuela Loi :ilSicilia.it

Il 26 gennaio ricorreva l'anniversario della morte di Francese, per mano mafiosa nel '79 a Palermo , città che ospita il set del film

Sul piccolo schermo i “Liberi sognatori”. Storie di eroi, da Mario Francese a Emanuela Loi

di
2 Febbraio 2017

Al via i set di “Liberi Sognatori. Le idee non si spezzano mai“, prodotti da Taodue per Mediaset. I quattro film tv sono dedicati agli eroi civili Mario Francese, Libero Grassi, Renata Fonte ed Emanuela Loi, persone che hanno pagato con la morte l’impegno quotidiano a difesa della giustizia e contro le mafie. Protagonisti dei film tv sono Claudio Gioè (che interpreta Mario Francese), e nel cast saranno presenti anche Riccardo Scamarcio, Marco Bocci, Giorgio Tirabassi (Libero Grassi), Cristiana Capotondi (Renata Fonte) e Greta Scarano (Emanuela Loi).

Il 26 gennaio ricorreva il 38/o anniversario della morte di Mario Francese, assassinato dalla mafia nel 1979 a Palermo, città che infatti ospita il set del film dedicato alla sua vita. Il giornalista ha il volto di Claudio Gioè, Marco Bocci invece interpreta il figlio Giuseppe che, dopo molti anni e dopo aver lottato per portare a processo mandanti ed esecutori materiali dell’omicidio del padre, si è tolto la vita. La storia di Mario Francese è diretta da Michele Alhaique. 

In un periodo denso di cambiamenti e trasformazioni sociali, ma anche di violenze e oscure trame, ecco la storia di quattro persone che hanno semplicemente e coraggiosamente compiuto fino in fondo il proprio dovere di cittadini, di uomini dello stato, di giornalisti. Simbolo di un’Italia che resiste e che non si arrende alla sopraffazione e alla corruzione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin