24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.32
Messina

il primo cittadino di Messina: "Ma che cas sta succedendo?"

Sulla A18 bordate del sindaco Cateno De Luca al ministero: “Record di incidenti, ora basta”

30 Gennaio 2019

Il sindaco di Messina Cateno De Luca non risparmia bordate al Ministro delle Infrastrutture sulla disastrosa situazione della A18 Messina-Catania che sta spingendo i cittadini alla previsione di una manifestazione generale di protesta.

“Verrebbe da esclamare  e da chiedersi “Ma che Cas sta succedendo? L’interrogativo che c’è da porsi è questo, ma oltre le frasi fatti e i modi di dire c’è veramente da preoccuparsi su questa situazione riguardante le autostrade siciliane e nello specifico la A18 Messina-Catania, sulla quale è d’obbligo arrivare ad una svolta e determinare una netta inversione di tendenza. C’è stata una convocazione in Prefettura sullo stato di salute delle autostrade siciliane con il Consorzio Autostradale Siciliano e i dati, intanto, sono eloquenti. Nel 2018 si sono registrati 617 incidenti stradali (3 mortali) sulla A 18 Messina-Catania. Così non si può più andare avanti”.

“Ci sono oltre 150 milioni di euro disponibili per la messa in sicurezza della A18 ed A20  – continua De Luca – fermi nei cassetti della burocrazia da troppi anni. Ma come si può accettare un tale stato di cose? Dobbiamo dare atto che da aprile 2018 si è cambiata impostazione ma dobbiamo velocizzare i tempi. E’ arrivato il momento di mettere fine alla guerriglia tra il Consorzio Autostrade ed il Ministero delle Infrastrutture. Vogliamo che vengano risolti i problemi a difesa della pubblica incolumità dei cittadini”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.