21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.15

“Sur a Sur”: una pedalata per dire no alla violenza sulle donne

4 Luglio 2019

Una pedalata per dire no alla violenza e alla discriminazione delle donne: “Sur a Sur – costruiamo ponti di solidarietà tra i Sud del mondo” è la passeggiata in bici organizzata da Ciss Ong – Cooperazione Internazionale Sud Sud a sostegno del progetto “Serendipia Sobre Ruedas: generando redes sobre ruedas”, l’iniziativa che da marzo 2018 vede tre donne latino-americane, Carolina, Alejandra e Marina, impegnate in un viaggio attraverso il continente sudamericano per rompere gli schemi e gli stereotipi che criminalizzano e limitano la libertà delle donne.

Seguendo lo spirito delle cicliste, domenica 7 luglio, dalle ore 19.00, partendo da via Magliocco, si arriverà fino al porticciolo Sant’Erasmo toccando due tappe simboliche, Casa Mediterranea delle Donne e Casa della Cooperazione: questi luoghi riportano alla memoria i Paesi attraversati dalle protagoniste del progetto che mira a creare una rete regionale di persone singole, associazioni e collettivi per condividere processi e pratiche che favoriscano l’empowerment femminile. La traversata vuole infatti dare visibilità alla voce delle donne, contribuire al rafforzamento di spazi e luoghi che le sostengono e collaborare con comunità di donne cicliste che lottano per l’uguaglianza di genere in America Latina e che usano la bicicletta come mezzo di rivendicazione dei propri diritti.

 

Il gruppo di Serendipia è ancora in viaggio, ha già percorso 20.000 Km in bicicletta attraversando Ecuador, Perù, Bolivia, Cile, Argentina, Uruguay, Brasile e Colombia: Marina e Carolina pedalano insieme per il progetto ma seguono cammini differenti, mentre Alejandra le sostiene dal punto di vista della comunicazione. Ritorneranno in Ecuador alla fine del 2019. Pedalando Paese dopo Paese, il progetto “Serendipia Sobre Ruedas” ha coinvolto tutti gli attori sociali a lottare contro il razzismo, il sessismo, il classismo subito dalle donne a livello pubblico e privato. La costruzione di questa rete permetterà di condividere modi di vivere, abitudini, esperienze e processi. L’essenza di Serendipia è quella di apprendere e crescere insieme, senza imporre il modello occidentale di pensiero e metodologia.

 

Le protagoniste del progetto “Serendipia Sobre Ruedas”

Marina, avvocato, specializzata in diritti umani; Carolina, esperta in relazioni internazionali e migrazioni; e Alejandra, giornalista, specializzata in comunicazione sociale.

 

 

 

PROGRAMMA DELLA GIORNATA:

Ore 17.30: Concentrazione in via Generale Magliocco e raccolta ultime adesioni alla biciclettata da parte dei partecipanti;

Ore 19.00: Partenza

Ore 19:30: Tappa a Casa Mediterranea delle Donne

Ore 20.30: Arrivo La Casa della Cooperazione in via Ponte di Mare 47/49

Ore 21.00: Cena di finanziamento a sostegno del progetto SERENDIPIA e collegamento Skype con Carolina , Marina e Alejandra.

Ore 22.00: DJ Set e Jam Session

 

PERCORSO DELLA BICICLETTATA:

Via Generale Vincenzo Magliocco → Via Maqueda → Via Divisi → Piazza Rivoluzione → Via Garibaldi → Via Magione → Via Carlo Rao → Via Lincoln → Via Foro Italico Umberto I → via Ponte di Mare n° 49 → Casa della Cooperazione.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.