"Sur a Sur": una pedalata per dire no alla violenza sulle donne | ilSicilia.it :ilSicilia.it

“Sur a Sur”: una pedalata per dire no alla violenza sulle donne

4 Luglio 2019

Una pedalata per dire no alla violenza e alla discriminazione delle donne: “Sur a Sur – costruiamo ponti di solidarietà tra i Sud del mondo” è la passeggiata in bici organizzata da Ciss Ong – Cooperazione Internazionale Sud Sud a sostegno del progetto “Serendipia Sobre Ruedas: generando redes sobre ruedas”, l’iniziativa che da marzo 2018 vede tre donne latino-americane, Carolina, Alejandra e Marina, impegnate in un viaggio attraverso il continente sudamericano per rompere gli schemi e gli stereotipi che criminalizzano e limitano la libertà delle donne.

Seguendo lo spirito delle cicliste, domenica 7 luglio, dalle ore 19.00, partendo da via Magliocco, si arriverà fino al porticciolo Sant’Erasmo toccando due tappe simboliche, Casa Mediterranea delle Donne e Casa della Cooperazione: questi luoghi riportano alla memoria i Paesi attraversati dalle protagoniste del progetto che mira a creare una rete regionale di persone singole, associazioni e collettivi per condividere processi e pratiche che favoriscano l’empowerment femminile. La traversata vuole infatti dare visibilità alla voce delle donne, contribuire al rafforzamento di spazi e luoghi che le sostengono e collaborare con comunità di donne cicliste che lottano per l’uguaglianza di genere in America Latina e che usano la bicicletta come mezzo di rivendicazione dei propri diritti.

 

Il gruppo di Serendipia è ancora in viaggio, ha già percorso 20.000 Km in bicicletta attraversando Ecuador, Perù, Bolivia, Cile, Argentina, Uruguay, Brasile e Colombia: Marina e Carolina pedalano insieme per il progetto ma seguono cammini differenti, mentre Alejandra le sostiene dal punto di vista della comunicazione. Ritorneranno in Ecuador alla fine del 2019. Pedalando Paese dopo Paese, il progetto “Serendipia Sobre Ruedas” ha coinvolto tutti gli attori sociali a lottare contro il razzismo, il sessismo, il classismo subito dalle donne a livello pubblico e privato. La costruzione di questa rete permetterà di condividere modi di vivere, abitudini, esperienze e processi. L’essenza di Serendipia è quella di apprendere e crescere insieme, senza imporre il modello occidentale di pensiero e metodologia.

 

Le protagoniste del progetto “Serendipia Sobre Ruedas”

Marina, avvocato, specializzata in diritti umani; Carolina, esperta in relazioni internazionali e migrazioni; e Alejandra, giornalista, specializzata in comunicazione sociale.

 

 

 

PROGRAMMA DELLA GIORNATA:

Ore 17.30: Concentrazione in via Generale Magliocco e raccolta ultime adesioni alla biciclettata da parte dei partecipanti;

Ore 19.00: Partenza

Ore 19:30: Tappa a Casa Mediterranea delle Donne

Ore 20.30: Arrivo La Casa della Cooperazione in via Ponte di Mare 47/49

Ore 21.00: Cena di finanziamento a sostegno del progetto SERENDIPIA e collegamento Skype con Carolina , Marina e Alejandra.

Ore 22.00: DJ Set e Jam Session

 

PERCORSO DELLA BICICLETTATA:

Via Generale Vincenzo Magliocco → Via Maqueda → Via Divisi → Piazza Rivoluzione → Via Garibaldi → Via Magione → Via Carlo Rao → Via Lincoln → Via Foro Italico Umberto I → via Ponte di Mare n° 49 → Casa della Cooperazione.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.