Sversamenti a mare, M5S all'Ars attacca Comune Palermo e Amap per assenza in commissione :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Sversamenti a mare, M5S all’Ars attacca Comune Palermo e Amap per assenza in commissione

di
29 Luglio 2021

“Il comportamento del Comune di Palermo e dell’Amap e’ inqualificabile, assolutamente vergognoso. Per la seconda volta consecutiva il sindaco Leoluca Orlando e l’amministratore unico della municipalizzata Alessandro Di Martino hanno declinato l’invito della presidenza della commissione Ambiente dell’Ars a partecipare ad un’audizione che per noi era importantissima al fine di tutelare gli interessi dei cittadini”.

Lo dicono i deputati M5S all’Ars Giampiero Trizzino e Salvatore Siragusa che avevano ottenuto per oggi, per la seconda volta a distanza di poche settimane, la convocazione dei vertici dell‘Amap e del sindaco di Palermo per fare luce sulla vicenda degli sversamenti in mare dei reflui diretti ad Acqua dei Corsari e sull’eventuale diritto dei cittadini a ottenere il rimborso della depurazione pagata con la bolletta dell’acqua, ma, a quanto pare, mai avvenuta.

Comprendiamo che potrebbero aver avuto degli impegni, è inaccettabile, però, che non si siano minimamente preoccupati – aggiungono – a inviare qualcuno in loro rappresentanza, come sarebbe stato doveroso. Non si può snobbare in questo modo il Parlamento regionale, significa infischiarsene dei siciliani, e questo è intollerabile. Scriverò al presidente Miccichè, nessuno può permettersi di trattare una convocazione all’Ars, cioè della massima istituzione regionale, peggio di quella del capo condominio”.

Non si è visto nessuno – dice Trizzino – ed è la seconda volta che accade. E’ la plastica dimostrazione di un’amministrazione allo sbando, come del resto testimonia lo sfacelo che ci circonda a Palermo. Fatti come questo rafforzano la mia già radicatissima convinzione che in una mia eventuale candidatura a sindaco non potrei mai avere nulla a che fare con questa gente”.

L’assenza di Amap e Comune – conclude Trizzino – testimonia comunque la situazione di difficoltà  in cui si trovano. A nostro avviso il rimborso è più che dovuto e avremo avuto il piacere di ascoltare dalla viva voce degli amministratori come Amap vuole comportarsi. In ogni caso noi andremo avanti. Siamo più che convinti che anche a Palermo ci siano tutte le condizioni perché si possa portare avanti la stessa battaglia fatta dal movimento 5 stelle di Caltanissetta che portò Caltaqua a rimborsare tantissimi cittadini che pagavano la depurazione in bolletta non usufruendo del servizio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin