Svimez, "In Sicilia crescono Pil ed occupazione, l'isola corre più veloce del Mezzogiorno" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il convegno a Palazzo Steri

Svimez, “In Sicilia crescono Pil ed occupazione, l’isola corre più veloce del Mezzogiorno”

di
25 Novembre 2016

Nel 2015 la Sicilia cresce quasi il doppio della media nazionale, con il Pil che si attesta a +1,5% rispetto allo 0,8% del Paese. L’isola ha fatto meglio anche del resto del Mezzogiorno che ha fatto registrare una media dello 0,7%. Sono i dati elaborati dallo Svimez  e presentati stamane a Palermo dal direttore del centro studi Riccardo Padovani. Lo studio è stato presentato nel corso del convegno “La Sicilia e il Mezzogiorno tra ripartenza e persistenti criticità”, una delle sessione delle “Giornate dell’Economia“, evento che si svolge a Palazzo Steri.

Secondo Svimez sono positivi anche i dati relativi all’occupazione: “Lo scorso anno – ha detto Padovani – è aumentata del 2,3 per cento, in misura più intensa rispetto al dato medio positivo del Mezzogiorno (+1,6 per cento) e di tre volte maggiore rispetto al+0,8 per cento della media nazionale. Il 2015 è stato un anno per certi versi eccezionale per il Mezzogiorno e per la Sicilia, grazie anche all’uso dei fondi strutturali – ha aggiunto – non solo perché ha interrotto una serie consecutiva di cali del prodotto che durava da sette anni, ma anche perché ha realizzato una crescita maggiore di quella del Centro Nord“. E per lo Svimez la crescita dovrebbe essere sostenuta soprattutto al Sud “dagli investimenti soprattutto nelle opere pubbliche che fanno da volano per lo sviluppo in un’area del Paese che ne ha la necessità“.

Per  il presidente della Regione, Rosario Crocetta, I dati dello Svimez confermano le previsioni del governo e smentiscono quanti continuano a dire che in Sicilia va tutto male, compresa certa stampa locale. Quelli che pretendono di darci lezioni da tutte le parti, dall’Anci al governo nazionale, devono prendere atto che questo esecutivo ha accelerato la spesa dei fondi strutturali, ha fatto gli investimenti e ha tagliato 3 miliardi e mezzo di sprechi. Nonostante sette anni da incubo per via della crisi, questo governo ha fatto crescere l’isola. La narrazione della Sicilia che leggiamo sui giornali non corrisponde assolutamente ai dati. La Regione ha apportato taglia agli sprechi del 35 per cento rispetto a una media nazionale del 3 per cento e di appena il 7,4% dei Comuni. Questa è la verità, confermata anche dallo Svimez“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin