Svincoli Perpignano addio? Dopo il danno, la beffa: "Cariboni vuole essere risarcita" :ilSicilia.it
Palermo

L'APPROFONDIMENTO SULLE INCOMPIUTE DI PALERMO

ESCLUSIVO. Svincoli Perpignano addio? Dopo il danno, la beffa: “Cariboni vuole essere risarcita”

di
3 Dicembre 2017

PALERMO. In una terra, quella Sicula, terra del Gattopardo e di Pirandello, dove tutto spesso funziona al contrario, capita pure questo: un’intera città (il Capoluogo di Regione, Palermo) danneggiata da oltre un decennio per il mancato completamento di ben 3 opere pubbliche fondamentali (il Sottopasso di via Perpignano, il raddoppio del Ponte Corleone e il Collettore fognario Sud-Orientalevede oggi combattere una lunghissima battaglia giudiziaria con l’impresa cui furono rescissi i contratti d’appalto.

Stiamo parlando della celebre “Cariboni strade e gallerie spa” di Rocca di Caprileone (Messina). Dopo anni e anni di silenzio emerge oggi una verità inquietante, a tratti imbarazzante: l’impresa (contrariamente alle voci di corridoio di quegli anni) non è mai fallita e oggi sta portando avanti ben 3 cause civili contro il Comune di Palermo per essere risarcita del danno subito. 

«Sono state emesse le tre sentenze nei processi di 1° grado; mentre in un caso siamo già in fase di appello», rivelano dal Polo Tecnico di via Ausonia. E – udite udite – pare che la magistratura non abbia dato ragione esclusivamente al Comune, ma abbia riconosciuto danni e risarcimenti «ad entrambe le parti». Un paradosso, se si pensa che, proprio a causa dei ritardi e presunti guai finanziari dell’impresa messinese, uno dei tre appalti addirittura non fece neppure in tempo a partire. E oggi un’intera città è rimasta sotto scacco, tanto da aver perso perfino i fondi statali, andati quasi certamente in perenzione.

Sottovia Perpignano
Il vecchio cartello col rendering del sottovia Perpignano

Stiamo parlando del Sottopasso di via Perpignano (valore 23,8 milioni di euro,  oggi costerebbe 34,1 mln) che avrebbe consentito di decongestionare una volta per tutte il traffico in viale Regione Siciliana, la Circonvallazione cittadina, meglio nota come “strada più trafficata d’Italia”, liberandola da quell’odioso attraversamento pedonale semaforico. Un’anomalia tutta palermitana quella di avere dei semafori in una tangenziale. I “tappi” di via Evangelista Di Blasi e del “Palazzo dei Sogni” per fortuna oggi non esistono più; restano da eliminare gli attraversamenti semaforici di piazzale Giotto e via Perpignano.

Il Comune di Palermo nel 2008 (all’epoca c’era il sindaco Cammarata) si vide costretto a rescindere i 3 appalti per «ingiustificata inattività dell’impresa». Oggi non v’è più traccia di quei cartelli (vedi FOTO sopra) che un tempo annunciavano l’inizio di quell’opera fondamentale per Palermo, colpita dalla famigerata piaga del “traffico.

Cartello Ponte Corleone
Cartello lavori raddoppio Ponte Corleone

Per il raddoppio del ponte Corleone – opera da 14 milioni di euro (oggi lievitati a 21) invece i cartelli ci sono ancora, arrugginiti per la verità, a pochi metri dall’ormai vetusta struttura esistente. Lì la Cariboni avviò i lavori, fermandosi però ad un misero 15% (costruzione delle “spalle” su un lato).

Per il sottovia Perpignano uno sconfortante 0%; mentre si fermò al 40% il cantiere del Collettore emissario Sud-Orientale (fondamentale opera fognaria oggi rifinanziata dalla delibera Cipe 60/2012) da 33,6 milioni di euro.

Ma andiamo con ordine. Ecco po’ di storia di quest’Odissea senza fine…

 

CONTINUA LA LETTURA QUI:

SCHEDA N.1: Il Sottopasso di via Perpignano

SCHEDA N.2: Raddoppio Ponte Corleone

SCHEDA N.3: Collettore Sud Orientale

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.