Svincolo autostradale ad Alì Terme: si sblocca l'iter :ilSicilia.it
Messina

l'opera costerà 43 milioni di euro

Svincolo autostradale ad Alì Terme: si sblocca l’iter

di
18 Novembre 2019

Via libera allo svincolo autostradale ad Alì Terme. La svolta è arrivata oggi a conclusione di una conferenza dei servizi, che facendo seguito ad una precedente riunione dello scorso 28 ottobre, si è svolta al palazzo municipale di Ali Terme ed in occasione della quale si è trovata la soluzione per definire l’acquisizione dei pareri mancanti per avviare le procedure di gara dell’opera. Il futuro svincolo rappresenta un intervento strategica non soltanto per Ali Terme ma per la zona ionica.

“Dopo oltre 20 anni di discussione e parziale copertura finanziaria – afferma il sindaco della Città Metropolitana, Cateno De Luca – ora si è proceduto a trovare i 43 milioni di euro per giungere entro il 31 dicembre 2021 all’inizio dei lavori”. La conferenza dei servizi si è aggiornata al 18 dicembre ore 11:30 presso il palazzo municipale di Ali Terme.

Del resto, di realizzare uno svincolo sull’A18 tra i centri abitati di Nizza e Alì Terme, sul versante aliese del torrente Fiumedinisi, si parla ormai da oltre un ventennio. La speranza si è accesa di recente con il Masterplan della Città Metropolitana, in cui è stata inserita proprio la realizzazione dell’infrastruttura con un’apposita previsione di spesa.

A conclusione del summit odierno è stato affrontato anche il punto riguardante la definizione del cronoprogramma che dovrà portare al completamento dell’iter burocratico finalizzato a far diventare realtà l’opera.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.