Svolta nell'omicidio Lucifora: arrestato un carabiniere :ilSicilia.it
Ragusa

il cuoco modicano ucciso nel 2019

Svolta nell’omicidio Lucifora: arrestato un carabiniere

di
15 Giugno 2020

Svolta nell’omicidio di Peppe Lucifora, il cuoco modicano di 57 anni trovato morto in circostanze misteriose. Arrestato un carabiniere.

Lucifora era stato trovato morto all’interno di una stanza chiusa a chiave della sua abitazione di largo XI febbraio al quartiere Dente di Modica, il 10 novembre del 2019.

Le tracce di dna raccolte dai Ris dei carabinieri durante le indagini e la ricostruzione degli ultimi giorni di vita del cuoco, avrebbero fornito elementi utili per collocare nell’abitazione Davide Corallo, giovane carabiniere. Quest’ultimo è stato arrestato dai carabinieri del nucleo investigativo e del nucleo operativo radiomobile di Modica, su richiesta del pm Francesco Riccio e disposizione del gip Eleonora Schininà.

Secondo quanto emerse dall’autopsia, Peppe Lucifora venne colpito con violenza e, in seguito, privo di coscienza, strangolato con la mano destra.

Non è stata ancora ritrovata la chiave che chiudeva la stanza in cui è stato rinvenuto il cadavere dell’uomo in parte svestito e nemmeno il telefonino della vittima.

Corallo venne sentito per quasi sette ore il 13 febbraio del 2019 dai carabinieri di Ragusa. In quel frangente, il legale del Corallo Piter Tomasello, che con Orazio Lo Giudice lo rappresentava , dichiarò all’AGI che il suo assistito aveva “respinto ogni accusa e ha costantemente ribadito la sua estraneità“.

Nel corso delle indagine vennero sequestrati i dispositivi elettronici in possesso del Corallo che avrebbero confermato il collegamento con Lucifora.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.