Svolta sul trattamento del percolato: ok al progetto da 5 milioni ad Acqua dei Corsari :ilSicilia.it
Palermo

risparmio sui costi di smaltimento

Svolta sul trattamento del percolato: ok al progetto da 5 milioni ad Acqua dei Corsari

di
7 Febbraio 2019
impianto di trattamento del percolato di Bellolampo, previsto ad Acqua dei Corsari
impianto di trattamento del percolato di Bellolampo, previsto ad Acqua dei Corsari
impianto di trattamento del percolato di Bellolampo, previsto ad Acqua dei Corsari

SFOGLIA LE FOTO IN ALTO

In attesa che si sblocchi il mega appalto da 26,5 milioni di euro di “Adeguamento e potenziamento del depuratore di Acqua dei Corsari” lungo la Costa Sud di Palermo, l’Amap segna una svolta per il trattamento e smaltimento del percolato di Bellolampo: l’obiettivo del Comune di Palermo, infatti, è risparmiare due milioni di euro per lo smaltimento del percolato derivante dai rifiuti presenti in discarica.

E come lo farà? Attraverso un nuovo impianto di trattamento, che dovrebbe essere costruito entro un anno nei pressi di via Messina Marine, ad Acqua dei Corsari.

Lo rende noto l’Amministratrice Unica dell’AMAP, Maria Prestigiacomo, che ieri ha incontrato il sindaco Leoluca Orlando, cui ha illustrato lo stato di avanzamento del progetto: l’impianto, il cui costo previsto è di circa 5 milioni di Euro, è attualmente oggetto di valutazione da parte dell’Assessorato Regionale al Territorio e l’Ambiente e sarà interamente finanziato con risorse dell’azienda, permettendo di ridurre drasticamente la quantità di percolato che dovrà essere trattato fuori dalla Sicilia.

Maria Prestigiacomo, presidente Amap

“L’impianto – spiega Prestigiacomo – avrà una capacità complessiva di circa 50.000 tonnellate annue. Questo permetterà nei giorni medi la possibilità di gestire anche il percolato prodotto da altre discariche”.

Per la RAP, lo smaltimento del percolato, che oggi avviene in minima parte tramite l’AMAP e in larga parte tramite ditte private ubicate anche fuori regione, ha un costo complessivo annuo di circa 7 milioni di euro.

A gennaio si è tenuta la prima conferenza di servizi organizzata dalla Regione, mentre sono in corso le procedure per ottenere Aia (Autorizzazione integrata ambientale) e VIA (Valutazione di Impatto Ambientale), necessarie per costruire il nuovo impianto che consentirà di trattare il percolato.

Per Prestigiacomo, questo è “un importante progetto che è parte del piano di sviluppo industriale dell’azienda; un progetto davvero di servizio e a servizio della comunità, e che permetterà una riduzione dei costi sostenuti complessivamente dal sistema delle aziende del Comune di Palermo”.

Per il sindaco “l’Amap conferma sempre più il proprio ruolo leader nel panorama delle aziende di servizio idrico e di gestione integrata. In questo caso con un progetto dall’altissimo valore sociale e di servizio per la comunità”.

 

LEGGI ANCHE:

Amap, maxi stangata ai palermitani: “Le bollette aumenteranno del 9%”

Fogne e depuratori, arriva la stangata dell’Ue: multa salatissima per la Sicilia

Il mare negato e le promesse da marinaio. Scattano ancora i divieti di balneazione nella Costa Sud di Palermo

Depurazione anno zero. Ecco la terza procedura d’infrazione: maxi multa per la Sicilia

Lo scandalo dei depuratori, €100 mln nelle fogne. Ecco i progetti bloccati a Palermo

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.