Tagli alle partecipate, ma si apre un mutuo da 21 milioni per il tram: ecco le mosse di Orlando :ilSicilia.it
Palermo

Comuni: Palermo; ok revisori a bilancio ma restano criticità

Tagli alle partecipate, ma si apre un mutuo da 21 milioni per il tram: ecco le mosse di Orlando

di
29 Dicembre 2020

Un taglio di 13,5 milioni alle aziende partecipate del Comune, si salvano la scuola e i servizi sociali, mentre per completare tutte le linee di tram a Palermo si accenderà un mutuo di 21 milioni, che servirà a integrare gli oltre 20 milioni dell’amministrazione grazie ad un avanzo di gestione.

In realtà il sistema tram è finanziato completamente dal Patto per il Sud, per cui il nuovo mutuo servirà a realizzare le opere accessorie. E’ un bilancio con pochi spazi di manovra quello presentato oggi a Sala delle Lapidi dal sindaco Leoluca Orlando, il quale ha sottolineato che si tratta di “una razionalizzazione delle spese perché tutti i servizi ai cittadini saranno garantiti”.

Appostati 3,9 milioni per stabilizzare una parte dei dipendenti part-time e per poter assumere i dirigenti tecnici. I tagli toccano, ad esempio, le navette Amat, come quella interna all’ospedale Civico di Palermo, la pulizia delle caditoie, il monitoraggio delle buche e le derattizzazioni. Una scelta obbligata, considerato che vanno accantonati 20,5 milioni di euro all’anno per 15 anni, relativi alle somme che vanno messe da parte per il cosiddetto ‘fondo di dubbia esigibilità’. Soldi che si ritiene di incassare ma che potrebbero anche non entrare nelle casse comunali.

MAPPA nuove linee tram PalermoDopo Orlando è intervenuto il presidente del collegio dei sindaci Salvatore Sardo (componenti Carmelo Scalisi e Vincenzo Traina), che, pur dando parere favorevole, nel documento ha segnalato che “deve essere attuata una attenta politica di contenimento della spesa”.

I revisori dei conti, nel rilevare che non è stato approvato ancora il piano triennale delle opere pubbliche – atto propedeutico al bilancio di previsione – tra le criticità di carattere generale hanno evidenziato il ricorso ai debiti fuori bilancio, “riconducibile alla incapacità di porre in essere una corretta programmazione e gestione delle risorse”. Ma inoltre i revisori hanno messo tra le criticità il ripiano in 30 rate annuali relativo al disavanzo di amministrazione derivante dal riaccertamento straordinario dei residui, a cui si somma il disavanzo scaturito dal cambio di calcolo del Fondo credito di dubbia esigibilità che prevede il ripiano in 15 rate annuali a partire dall’esercizio 2021.

“Il ripiano di questi disavanzi – scrivono i revisori – ha ampiamente impegnato la capacità di spesa dei prossimi anni”. E poi si sottolineanp l’eccessivo ricorso alle anticipazioni di tesoreria che “assume carattere strutturale”. “Le anticipazioni – si legge nella relazione del collegio – non devono servire a supplire alla mancanza o insufficienza di entrate, rispetto alle spese da effettuare, ma hanno la funzione di colmare la lentezza con cui è acquisita la liquidità derivante dalle entrate accertate”.

Domani alle 11 si apre la discussione generale in con gli interventri dei consiglieri.

 

CRITICI I SINDACATI: “PAROLE DI ORLANDO PREOCCUPANTI”

“Le dichiarazioni del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, durante la seduta odierna del consiglio comunale sul bilancio di previsione 2020, non possono che provocare la forte preoccupazione dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali: è inaccettabile che l’amministrazione non destini le risorse dovute per l’aumento delle ore a tutti i lavoratori part-time del Comune”.

Lo dicono Ilioneo Martinez e Salvatore Sampino (Uil), Lillo Sanfratello (Cgil), Margherita Amiri e Mario Basile (Cisl) e Nicolo’ Scaglione (Csa-Cisal).

“L’esclusione delle categorie A e B, che contano circa 2 mila persone, e’ un grave danno per i servizi e quindi per la citta’, specie se in questi anni le risorse assunzionali, pari a decine di milioni di euro, sono invece state usate per salvare il Comune dal default – aggiungono -. E oggi, a fronte di un quadro cosi’ drammatico, c’e’ qualcuno che pensa pure di accendere ulteriori mutui. Delle due l’una: o il Comune e’ a rischio dissesto e quindi non puo’ indebitarsi o ci sono i soldi e qualcuno sta scegliendo volutamente di penalizzare i lavoratori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro