"Tagli": Carmelo Bongiorno racconta le fratture dell'esistenza al Centro Internazionale di Fotografia :ilSicilia.it
Palermo

inaugurazione Venerdì 10 luglio

“Tagli”: Carmelo Bongiorno racconta le fratture dell’esistenza al Centro Internazionale di Fotografia

di
4 Luglio 2020

Ciò che prima era unico viene diviso, spezzato. Restano i tagli, fratture dell’esistenza, orizzonti incerti”.

E’ con “_TAGLI_” , il nuovo lavoro di Carmelo Bongiorno, che Letizia Battaglia ha deciso di riaprire il Centro Internazionale di Fotografia di Palermo. L’inaugurazione avverrà venerdì 10 luglio alle 18.

Un lungo percorso che, racchiuso in 36 dittici di grande formato, spazia tra simboli e storie intime, superfici e profondità, drammi vissuti.

Negli scatti del fotografo, sono immortalati tracce di un mare buio e un disperato approdo di migranti, squarci di luce sui luoghi e sulle cose, cicatrici della vita. Divisioni, razzismo e discriminazione sulla pelle e sul pensiero, ferite dell’anima, storie di malessere e alienazione. Violenze nascoste, vite spezzate da odio e follia. Devastazioni e veleni sulla natura e gli animali.

L’autore

Carmelo Bongiorno

Una riflessione sui temi del disagio, della sofferenza e del rapporto col distacco e col dolore che nella vita possono riguardare ognuno di noi. Un percorso tra simboli e storie intime, superfici e profondità, drammi vissuti”, spiega Bongiorno.

“Le tenebre e i bagliori si rincorrono e ogni immagine, da sola o insieme all’altra, è metafora di una separazione. Ciò che prima era unico viene diviso, spezzato. Restano i tagli, fratture dell’esistenza, orizzonti incerti. Sassi incastrati tra cuore e anima, urli soffocati dall’arroganza e la superficialità degli uomini”.

 Su “_TAGLI_”:

Franco Battiato

In questo nuovo lavoro visioni ed esperienze intime si alternano, percorsi tra eventi minimi e drammatici diventano contrasti di luce e di materia, tagli.  Il dittico divide e raddoppia lo sguardo, quasi a confonderlo, ma l’osservazione ne rivela la profondità, l’unicità dell’opera, il suo respiro d’infinito. Le ferite e i dolori privati di Carmelo diventano assoluti, universali, della Terra e di ogni essere“, dice il cantautore Franco Battiato.

Mario Cresci

Nelle immagini di Carmelo ritrovo il senso del fare fotografia, il senso del rapporto tra l’arte e la vita, tra l’arte e la consistenza non mediata del dolore e della speranza e soprattutto ritrovo il significato di una cultura visuale in cui l’invenzione estetica non è disgiunta dall’emozione quasi tattile della realtà raffigurata in immagine”, commenta l’eclettico e sperimentale fotografo Mario Cresci.

La mostra

Lo spazio, diretto da Letizia Battaglia all’interno del Cantieri Culturali alla Zisa, ospiterà la personale fino al 31 Luglio, dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 18.30. Successivamente “_TAGLI_” diventerà itinerante.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin