"Talpe" nel caso Zamparini, il giudice Vincenti indagato per corruzione | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Potrebbe essere colui che rivelò l'esistenza dell'inchiesta al patron rosanero

“Talpe” nel caso Zamparini, il giudice Vincenti indagato per corruzione

13 Giugno 2019

Il presidente della sezione gip di Palermo Cesare Vincenti è indagato per corruzione dai magistrati di Caltanissetta. Di corruzione risponde anche il figlio di Vincenti, Andrea. Il giudice è indagato anche per rivelazione di notizie riservate. Oggi la casa del giudice è stata perquisita dai militari delle Fiamme gialle. 

L’inchiesta nasce dal sospetto che una talpa al palazzo di giustizia di Palermo abbia avvertito, tramite l’allora presidente del Palermo calcio, Giovanni Giammarva, l’ex patron rosanero Maurizio Zamparini della richiesta pendente di arresto a suo carico avanzata dalla procura.

Giammarva, a maggio del 2018, chiese un urgente appuntamento a Zamparini, che il giorno successivo all’incontro si dimise dalle cariche societarie. Il gip chiamato a decidere sull’arresto, che lavorava nell’ufficio diretto da Vincenti, negò le manette sostenendo che le dimissioni dalla carica avessero fatto venir meno le esigenze cautelari. Chi diede lo notizia della richiesta di arresto? È quello che si chiedono i pm di Caltanissetta, competenti a indagare sui magistrati palermitani.

Il sospetto grava su Vincenti. Il figlio del giudice ha un incarico legale nella società rosanero. E questo, per gli inquirenti, potrebbe essere stato il prezzo della corruzione.

Indagata anche un’altra giudice palermitana: si tratta du Alida Marinuzzi, magistrato del tribunale civile: è accusata di abuso d’ufficio perchè secondo l’accusa, su sollecitazione di Vincenti avrebbe firmato un atto che interessava al figlio del magistrato.

LEGGI ANCHE:

Una talpa nell’inchiesta Zamparini? Perquisita la casa di un giudice

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona