Talpe, spionaggio e corruzione: condannato a 14 anni il "paladino antimafia" Montante :ilSicilia.it

la sentenza

Talpe, spionaggio e corruzione: condannato a 14 anni il “paladino antimafia” Montante

di
10 Maggio 2019

Sentenza durissima oggi a Caltanissetta: Antonello Montante, ex leader di Confindustria Sicilia ed esponente di spicco dell’Antimafia, dopo oltre due ore di camera di consiglio è stato condannato a 14 anni nell’ambito dell’inchiesta Double Face.

A un anno esatto dal suo arresto, l’ex numero uno di Sicindustria, processato col rito abbreviato, è stato ritenuto colpevole dai giudici che hanno creduto all’accusa: avrebbe costruito, con la complicità di esponenti delle forze dell’ordine che beneficiavano dei suoi favori, una rete di spionaggio per avere informazioni sull’indagine per concorso in associazione mafiosa aperta a suo carico dai pm nisseni e spiare quelli che riteneva i suoi avversari con dossier su di loro.

Marco Venturi Alfonso Cicero, i due uomini “chiave” dell’inchiesta, ex amici di Montante, hanno fatto crollare il suo “sistema”.

Nel processo erano imputati, a vario titolo, per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, alla rivelazione di notizie coperte dal segreto d’ufficio, al favoreggiamento il colonnello Gianfranco Ardizzone (3 anni), ex comandante provinciale della Guardia di Finanza di Caltanissetta; il sostituto commissario Marco De Angelis (4 anni); il questore Andrea Grassi (1 anno e 4 mesi); il capo della security di Confindustria Diego Di Simone (6 anni e 4 mesi). Assolto Alessandro Ferrara, ex dirigente generale delle Attività produttive, così come aveva chiesto la procura.

Per Montante il procuratore di Caltanissetta Amedeo Bertone e i Pm Stefano Luciani e Maurizio Bonaccorso a conclusione della requisitoria, lo scorso 23 aprile, avevano chiesto la condanna a 10 anni e mezzo di reclusione. In media, come spiegato dai pm durante la requisitoria, sarebbero stati effettuati nove accessi abusivi a sistema informatico ogni tre mesi, per un arco di 7 anni, per cercare informazioni anche su alcuni collaboratori di giustizia, sull’ex presidente dell’Irsap Alfonso Cicero, parte offesa e parte civile, e il magistrato ed ex assessore regionale Nicolò Marino.

I timori dell’avvocato Carlo Taormina, che difende Montante, si sono concretizzati. Ieri diceva: “Non sono fiducioso sulla sentenza. Questa non era la sede per poter fare il processo perché questi magistrati sono condizionati dalla preoccupazione che essere stati vicini a Montante per tanti anni”.

Lunedì ripartirà l’altro processo (col rito ordinario) davanti al Tribunale di Caltanissetta che vede altri 13 imputati, tra cui l’ex presidente del Senato Renato Schifani e l’ex capo dei servizi segreti Arturo Esposito, l’ex capo centro della Dia di Caltanissetta passato ai Sevizi Giuseppe D’Agata, e il tributarista Angelo Cuva, accusati di far parte del cerchio delle “talpe”. Montante poteva contare anche sui favori del re dei supermercati Massimo Romano.

Nella recente puntata di Report, (e nel libro “Il Padrino dell’Antimafia“, del giornalista Attilio Bolzoni) si parla anche della Trattativa Stato-mafia. Il dubbio sollevato è che Montante, con la sua rete di spie e servizi segreti deviati, abbia qualcosa a che fare con le registrazioni (ufficialmente distrutte) delle telefonate fra Giorgio Napolitano e Nicola Mancino.

 

LEGGI ANCHE:

Nuove rivelazioni sul caso Montante: dalla trattativa ai servizi deviati | VIDEO

La “doppia faccia” del paladino antimafia: chiesti 10 anni e 6 mesi per Montante

Sistema Montante, la relazione dell’Antimafia regionale: “Un governo parallelo”

In un armadio nascosto l’archivio segreto di Montante | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.