Tamajo: "Palermo allo sfacelo". Ma sulla sfiducia a Orlando IV-Sicilia Futura tentenna :ilSicilia.it
Palermo

il dubbio

Tamajo: “Palermo allo sfacelo”. Ma sulla sfiducia a Orlando IV-Sicilia Futura tentenna

di
17 Giugno 2021

Palermo è una città sommersa dalle criticità, e in bilico potrebbe essere la posizione del sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando. La mozione di sfiducia annunciata da alcune forze politiche d’opposizione a Sala delle Lapidi potrebbe interrompere la prosecuzione del mandato. Perché ciò accada, intanto, occorrerà che sedici consiglieri firmino il documento. Al momento, però, c’è l’ok di sparute parti dell’opposizione al primo cittadino: i tre consiglieri della Lega, Fabrizio Ferrandelli, Cesare Mattaliano e Marianna Caronia, che recentemente ha dato l’addio a Forza Italia.

Ad esprimere parere negativo sull’opportunità di presentare la mozione Forza Italia, sia con Gianfranco  Miccichè, “Non sono d’accordo, trovare subito un candidato capace e non è semplice”, che con il consigliere azzurro, veterano di Sala delle Lapidi, Giulio Tantillo, intervistato da ilSicilia.it.

Molta attesa c’è per la scelta che sarà fatta dai gruppi di Italia Viva e IV-Sicilia Futura, dopo l’addio alla maggioranza che sostiene Orlando e con il ritiro degli assessori Toni Costumati e Leopoldo Piampiano in quota alle ‘due’ Italia Viva palermitane. Nonostante ciò, però, la firma sul documento sembra essere tutt’altro che certa.

Prudenti le affermazioni di Edy Tamajo, leader nella Sicilia Occidentale di IV-Sicilia Futura: “Lunedì avremo una riunione con i riferimenti del partito e decideremo democraticamente quale sarà il percorso – afferma a ilSicilia.it -. Ricordo che Sicilia Futura aveva un’assessore e l’ha fatto dimettere per lo sfacelo e la disorganizzazione della stessa amministrazione di questa città. Siamo molto critici sul comportamento di questa amministrazione che sta facendo acqua da tutti i lati”. Ma sulla firma da apporre alla mozione di sfiducia, il parlamentare di Palazzo dei Normanni non si sbilancia, attendendo la riunione della prossima settimana.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin