Taormina Arte: impasse per la Fondazione, il commissario potrebbe dimettersi :ilSicilia.it
Messina

Di Miceli vuole ultimare le procedure entro fine anno

Taormina Arte: impasse per la Fondazione, il commissario potrebbe dimettersi

19 Ottobre 2018

Non si sblocca la fase di impasse in atto sul futuro di Taormina Arte e si allungano ancora una volta i tempi per il completamento delle procedure costitutive della Fondazione. Tutto potrebbe tornare in discussione perché ormai Messina (Comune e Città Metropolitana) ha fatto la sua scelta di uscire da Taormina Arte, la Regione Siciliana attende però che il sindaco metropolitano Cateno De Luca mette “nero su bianco” le sue intenzioni, e il Comune di Taormina al momento può soltanto aspettare a sua volta che vengano definito il quadro a Palermo.

Il commissario straordinario della Fondazione Taormina Arte, Pietro Di Miceli, ha ultimato un apposito dossier sul lavoro da lui fatto sinora, comprensivo tra l’altro dell’avvenuto alleggerimento della situazione debitoria che aveva raggiunto i 5 milioni ed è giunta all’attuale disavanzo di circa Un milione e 400 mila euro (anche tenendo conto di 37 transazioni) e comprensivo inoltre dell’iter di patrimonializzazione dei beni immateriali della Fondazione. Ma il vertice a Palermo per fare chiarezza ancora non è stato fissato e il “caso Messina” rimane in stand by. Di Miceli vuole ultimare le varie procedure da qui a fine anno, e a questo punto potrebbe iniziare a prendere in considerazione l’ipotesi delle dimissioni se entro il 31 dicembre non sarà stato risolto tutto.

Di Miceli, per altro, nel frattempo è alle prese con altri incarichi ed è stato chiamato a ricoprire il ruolo di commissario del Teatro Bellini di Catania. L’addio a TaoArte potrebbe essere dettato, insomma, anche dai concomitanti impegni ai quali dovrà adempiere.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.