Taormina: in arrivo la mostra fotografica di Wilhelm von Gloeden :ilSicilia.it
Taormina

dal 6 dicembre 2019 al 15 gennaio 2020

Taormina: in arrivo la mostra fotografica di Wilhelm von Gloeden

di
29 Novembre 2019

Presto a Taormina la mostra “Von Gloeden, Taormina e il Mediterraneo”, a cura di Luca Beatrice e Willy Montini, organizzata dal comune, in collaborazione con ARTCOM, nella sede espositiva della Ex Chiesa del Carmine.

LA COLLEZIONE

La locandina dell’evento

Un esposizione di opere fotografiche del famoso nobile tedesco Wilhelm von Gloeden, attivo a Taormina ed in Italia a partire dal 1880 e sino alla scomparsa, nel 1931.

Il progetto della mostra nasce dalla scoperta di una collezione di oltre venti stampe originali di Wilhelm von Gloeden, appartenute prima al gallerista Lucio Amelio e successivamente all’artista Bruno Di Bello.

La particolarità di questa collezione, contenuta, ma completa nei temi e selezionata nelle scelte, suggerisce ai curatori l’idea stessa della mostra: sono fotografie che raccontano l’intero percorso artistico di von Gloeden.

Ai nudi accademici degli esordi si aggiungono i famosi scatti eseguiti nelle dimore taorminesi, abitate dal nobile tedesco. Quegli scatti in cui i modelli sono spesso i giovani paesani.

LE FOTOGRAFIE

Tra le varie fotografie, presenti all’evento, troviamo:

  • quelle scattate fuori dagli spazi attrezzati per quella che, all’epoca, era una pratica pioneristica. Ricostruzioni dei miti d’Arcadia registicamente allestite da von Gloeden al Teatro Greco di Taormina o in giardini e fra gli alberi, negli spazi aperti, nella natura, fra fontane e scogliere, spesso con vedute straordinarie della costa taorminese;
  • E poi i paesaggi di altri luoghi della Sicilia e del Mediterraneo, fra cui alcune immagini dei luoghi simbolo di Siracusa e Segesta, ma anche testimonianze di un soggiorno a Tunisi, documentato da rare vedute della Koubba e del Sidi Marhes;
  • E ancora, sono presenti stampe famosissime, come l’intenso ritratto di Carlotta ed altre molto rare, come il giardino di Thomas Bradney Shaw-Heller.

Nell’allestimento, che i curatori hanno sviluppato in maniera circolare sfruttando la pianta aperta ottagonale
della Ex Chiesa del Carmine, il visitatore si troverà circondato dalle immagini di von Gloeden e potrà
leggere i saggi dedicati al progetto e alla collezione esposti in gigantografia a scandire il percorso espositivo.

Sarà disponibile in mostra un prezioso catalogo con tutte le opere riprodotte, arricchito dai testi dei curatori
e apparati bibliografici.

BIOGRAFIA

Wilhelm von Gloeden nasce in Germania, vicino a Wismar, a Schloss Volkshagen.

Nel 1878 Von Gloeden parte per il tradizionale Grand Tour dei viaggiatori dell’Ottocento. Visita Roma, Capri, Napoli e Taormina, dove si stabilisce, prima in un villino vicino al teatro greco-romano. Poi trova dimora in piazza San Domenico, in una casa con giardino che diventerà anche il suo atelier fotografico.

Si fa strada nel mondo della rappresentazione fotografica, ma dopo aver perso i sostegni finanziari del patrigno è costretto a trasformare la propria passione in professione.

Quindi Wilhelm von Gloeden inizia a mettere in commercio le proprie immagini siciliane, moltiplica le copie in forma di cartoline postali e tirature commerciali.

Nel corso della sua carriera ha tenuto molte mostre e ricevuto diversi premi e riconoscimenti per il suo lavoro fotografico. Fra questi, va menzionata la medaglia d’oro del Ministero della Pubblica istruzione Italiana.

Nel 1930 termina la sua attività fotografica e un anno dopo muore a Taormina, dove adesso è sepolto nel cimitero dei protestanti.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.