Taormina: in arrivo la mostra fotografica di Wilhelm von Gloeden :ilSicilia.it
Taormina

dal 6 dicembre 2019 al 15 gennaio 2020

Taormina: in arrivo la mostra fotografica di Wilhelm von Gloeden

29 Novembre 2019

Presto a Taormina la mostra “Von Gloeden, Taormina e il Mediterraneo”, a cura di Luca Beatrice e Willy Montini, organizzata dal comune, in collaborazione con ARTCOM, nella sede espositiva della Ex Chiesa del Carmine.

LA COLLEZIONE

La locandina dell’evento

Un esposizione di opere fotografiche del famoso nobile tedesco Wilhelm von Gloeden, attivo a Taormina ed in Italia a partire dal 1880 e sino alla scomparsa, nel 1931.

Il progetto della mostra nasce dalla scoperta di una collezione di oltre venti stampe originali di Wilhelm von Gloeden, appartenute prima al gallerista Lucio Amelio e successivamente all’artista Bruno Di Bello.

La particolarità di questa collezione, contenuta, ma completa nei temi e selezionata nelle scelte, suggerisce ai curatori l’idea stessa della mostra: sono fotografie che raccontano l’intero percorso artistico di von Gloeden.

Ai nudi accademici degli esordi si aggiungono i famosi scatti eseguiti nelle dimore taorminesi, abitate dal nobile tedesco. Quegli scatti in cui i modelli sono spesso i giovani paesani.

LE FOTOGRAFIE

Tra le varie fotografie, presenti all’evento, troviamo:

  • quelle scattate fuori dagli spazi attrezzati per quella che, all’epoca, era una pratica pioneristica. Ricostruzioni dei miti d’Arcadia registicamente allestite da von Gloeden al Teatro Greco di Taormina o in giardini e fra gli alberi, negli spazi aperti, nella natura, fra fontane e scogliere, spesso con vedute straordinarie della costa taorminese;
  • E poi i paesaggi di altri luoghi della Sicilia e del Mediterraneo, fra cui alcune immagini dei luoghi simbolo di Siracusa e Segesta, ma anche testimonianze di un soggiorno a Tunisi, documentato da rare vedute della Koubba e del Sidi Marhes;
  • E ancora, sono presenti stampe famosissime, come l’intenso ritratto di Carlotta ed altre molto rare, come il giardino di Thomas Bradney Shaw-Heller.

Nell’allestimento, che i curatori hanno sviluppato in maniera circolare sfruttando la pianta aperta ottagonale
della Ex Chiesa del Carmine, il visitatore si troverà circondato dalle immagini di von Gloeden e potrà
leggere i saggi dedicati al progetto e alla collezione esposti in gigantografia a scandire il percorso espositivo.

Sarà disponibile in mostra un prezioso catalogo con tutte le opere riprodotte, arricchito dai testi dei curatori
e apparati bibliografici.

BIOGRAFIA

Wilhelm von Gloeden nasce in Germania, vicino a Wismar, a Schloss Volkshagen.

Nel 1878 Von Gloeden parte per il tradizionale Grand Tour dei viaggiatori dell’Ottocento. Visita Roma, Capri, Napoli e Taormina, dove si stabilisce, prima in un villino vicino al teatro greco-romano. Poi trova dimora in piazza San Domenico, in una casa con giardino che diventerà anche il suo atelier fotografico.

Si fa strada nel mondo della rappresentazione fotografica, ma dopo aver perso i sostegni finanziari del patrigno è costretto a trasformare la propria passione in professione.

Quindi Wilhelm von Gloeden inizia a mettere in commercio le proprie immagini siciliane, moltiplica le copie in forma di cartoline postali e tirature commerciali.

Nel corso della sua carriera ha tenuto molte mostre e ricevuto diversi premi e riconoscimenti per il suo lavoro fotografico. Fra questi, va menzionata la medaglia d’oro del Ministero della Pubblica istruzione Italiana.

Nel 1930 termina la sua attività fotografica e un anno dopo muore a Taormina, dove adesso è sepolto nel cimitero dei protestanti.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.