Taormina: "Perdite per 80 milioni negli alberghi. Aiuti ancora insufficienti" :ilSicilia.it
Messina

il sindaco Bolognari traccia lo scenario

Taormina: “Perdite per 80 milioni negli alberghi. Aiuti ancora insufficienti”

di
2 Maggio 2020

“Abbiamo davanti a noi, dal punto di vista strettamente economico, una prospettiva davvero molto dura. Ho fatto una proiezione al 31 dicembre 2020 e nel fatturato alberghiero a Taormina rischiano di mancare oltre 80 milioni di euro, che in una cittadina di poco più di 10 mila residenti, sono tanti”. Lo ha dichiarato oggi il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, ospite del programma “Coffee Break” su La7.

“Nei prossimi mesi saremo fortemente penalizzati, bisogna capire quali saranno le indicazioni specifiche del governo per quanto riguarda le attività economiche e le relative restrizioni sul distanziamento sociale. La fase 2 sarà molto importante per testare rapidamente la situazione dei contagi (a Taormina al momento non si è registrato nessun caso di Coronavirus, ndr) e per capire se siamo sulla strada giusta, oppure no”.

A Taormina – ha detto poi Bolognari – ci sono le attività che si trovano sul Corso Umberto ma i tre quarti dei negozi della città si possono definire non tanto commerciali quanto prevalentemente turistici, e che non avrebbero cioè ragione di esistere se non ci fosse il turismo“. 

Mario Bolognari

“Quindi parliamo di attività che non possono essere paragonate a quelli di un’altra realtà dove i negozi servono prevalentemente la clientela locale o di prossimità. E’ un altro grande problema e avremo tante imprese che saranno bloccate non per effetto dei decreti ma per l’assenza delle condizioni economiche che occorrono per mantenere un’azienda aperta”.

“Parlo a nome dei tanti commercianti e dei tanti albergatori con i quali in queste settimane ho avuto una interlocuzione continua e c’è un atteggiamento ottimistico e positivo affinché si possa riaprire. Bisognerà misurare, concretamente, azienda per azienda, quali sono le condizioni tecniche ed economiche affinché ciò possa avvenire. Nel frattempo abbiamo istituto un tavolo di concertazione”.

“Aspettiamo di capire come interverranno lo Stato e la Regione. In quest’ultimo caso sono stati presi dei provvedimenti molto importanti ma insufficienti, come sono insufficienti quelli previsti dallo Stato. Non è quella dei prestiti la strada che serve per aiutare la nostra realtà. Di fronte al blocco di un’intera stagione non è un prestito che può risolvere i problemi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.