Taormina prova a sfidare la crisi: già 7 milioni di prestiti dalle banche :ilSicilia.it
Messina

istruite 380 pratiche per le Pmi

Taormina prova a sfidare la crisi: già 7 milioni di prestiti dalle banche

di
29 Maggio 2020

Taormina prova ad affrontare lo “tsunami” finanziario prodotto dal Covid-19 e in quest’ottica l’Amministrazione comunale ha convocato nelle scorse ore in municipio i direttori delle 9 filiali di banca presenti nel territorio locale per fare il punto della situazione sul sostegno economico al momento dato ad imprenditori e commercianti del territorio ma soprattutto per la richiesta, avanzata dalla Giunta del sindaco Mario Bolognari, di “non lasciare da soli” i protagonisti della filiera produttiva taorminese.

L’aspettativa è quella di poter arrivare ad una semplificazione delle procedure, stringendo così i tempi di erogazione delle somme richieste dagli operatori economici, cercando di non abbandonare in particolare le piccole e medie imprese che rappresentano il cuore pulsante dell’economia di Taormina. Nella capitale del turismo siciliano, stando al summit di ieri, sarebbero state istruite già 380 pratiche per il sostegno economico ai commercianti e agli imprenditori, sulla base del Decreto Liquidità e delle relative misure poste in essere dal Governo Conte per aiutare il Paese a contrastare la crisi epocale determinata dal Coronavirus.

Si stima un volume, al momento, di pratiche per il credito a Taormina pari a circa 7 milioni di euro, ma è una cifra destinata ad aumentare da qui alle prossime settimane quando si potrà raggiungere verosimilmente quota 9-10 milioni di euro. Risultano, inoltre, almeno una decina di ulteriori pratiche da parte dei maggiori imprenditori del territorio che si sono mossi per ottenere risorse che vanno dai 100 mila euro sino anche a 150 mila euro.

Il sindaco Mario Bolognari, insieme al vicesindaco Enzo Scibilia, ha inteso convocare a Palazzo dei Giurati anche i commercialisti, che svolgono un ruolo altrettanto importante, rappresentando il punto di riferimento al quale si rivolgono i cittadini e quindi gli operatori economici. Ma è soprattutto con i direttori delle banche che si punta ad instaurare una collaborazione nell’ambito delle strategie anti-crisi che la Città di Taormina intende mettere in campo in questa estate che si preannuncia, per forza di cose, all’insegna della sofferenza.

Gli alberghi aspettano le prenotazioni, auspicando che la situazione si vada normalizzando e che almeno a luglio e agosto i turisti possano raggiungere in buon numero Taormina. In diversi casi, gli hotel potrebbero tornare ad operativi tra la fine di giugno o ad inizio luglio, ma c’è chi ha già riaperto con un gesto di speranza anche se al momento la clientela, di fatto, resta un “sogno proibito”. Si spera nella riapertura delle frontiere con l’Europa e l’auspicio vale, a maggior ragione, anche per il commercio e la ristorazione, dove qualcuno ha già rialzato la saracinesca ma diversi operatori ancora non ce la fanno a ripartire o prudenzialmente hanno scelto di aspettare per capire l’evoluzione della situazione. Numerosi ristoranti e bar sono ancora chiusi. Senza gli spettacoli già cancellati, con le crociere paralizzate e a quanto pare rinviate ormai al 2021, e con un netto calo complessivo delle presenze, la ripartenza ad oggi è come scalare una montagna a mani nude. E in questo quadro, di per sé già assai complicato, in molti lamentano che ad un crollo del fatturato si stia aggiungendo la beffa di dover sostenere costi aggiuntivi per tutto ciò che concerne gli obblighi Dpi e la sanificazione dei locali.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin