Taormina: riparte il Teatro Antico con gli spettacoli dal vivo :ilSicilia.it
Taormina

il programma

Taormina: riparte il Teatro Antico con gli spettacoli dal vivo

di
7 Luglio 2020

La Fondazione Taormina Arte Sicilia inaugura la sua stagione di spettacoli al Teatro Antico attuando tutte le misure di sicurezza e adattando, nel rispetto del distanziamento, tutti gli spazi dello straordinario contenitore archeologico, in collaborazione con il Parco Archeologico di Naxos-Taormina.

Dopo il Lockdown – ha detto l’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo Manlio Messinariprendono gli eventi dal vivo nel meraviglioso Teatro Antico di Taormina, con 30 giornate di spettacoli organizzati e coordinati dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia. Il programma è importante e mi fa piacere sottolineare che vedrà tra i protagonisti due dei nostri fiori all’occhiello della cultura e dello spettacolo, il Teatro Bellini di Catania e l’Orchestra Sinfonica Siciliana“.

Ad aprire la stagione la ‘maratona Beethoven’ con l’Orchestra Sinfonica Siciliana, diretta dal maestro Umberto Benedetti Michelangeli.
“Sarà un viaggio musicale quello che l’Orchestra Sinfonica proporrà per le serate estive di Taormina – ha aggiunto il soprintendente del Foss, Antonio Marcellino – un viaggio che inizia con cinque serate dedicate al genio musicale Ludwig van Beethoven e al suo periodo artistico più proficuo: le nove Sinfonie e i leggendari Concerti per pianoforte e orchestra. La nona Sinfonia, capolavoro tecnico e sociale con l’introduzione del coro, chiuderà questa prima parte non a caso dedicata al padre della musica occidentale”.
L’imponente Orchestra del Teatro Bellini, fondata nel 1951 e apprezzata in tutto il mondo, incanterà il pubblico del Teatro Antico il 25 luglio con American Movies, 15 celeberrime colonne sonore americane, musiche del compianto Morricone e di Williams, Barry, Badelt, Horner. Uno splendido concerto dedicato completamente all’America e ai film più rappresentativi in un viaggio fantastico tra miti, luoghi simboli, guerre e pace, attraverso un secolo di storia; il 30 luglio con La Traviata, una delle opere più famose di Giuseppe Verdi per soli coro e orchestra; il 12 agosto con il capolavoro di Carl Orff, Carmina Burana, cantata scenica composta tra il 1935 e il 1936, basata su 24 poemi tra quelli trovati nella raccolta medievale omonima; il 25 agosto con Le quattro tagioni di Vivaldi e il 20 settembre invece Un Americano a Parigi, Rapsodia in blue, West Side Story di Gershwin e Bernstein.

“Lo spirito di fattiva collaborazione – hanno continuato il commissario Daniela Lo Cascio e il sovrintendente del Teatro Bellini Giovanni Cultrerae il desiderio di ritornare ad effettuare spettacoli dal vivo hanno unito due storiche e prestigiose istituzioni culturali, Taormina Arte e il Massimo Bellini di Catania. Siamo certi che il pubblico non mancherà di apprezzare le proposte musicali di alto livello qualitativo che verranno come sempre esaltate dalla magia e dal fascino imperituro del Teatro Antico di Taormina“.

Il programma

Appuntamenti teatrali con un gigante della scena, Gabriele Lavia che sara’ l’8 agosto regista, in prima nazionale, di MEDEA di Euripide, una particolare riduzione operata dallo stesso Lavia con interpreti Federica De Martino e Simone Toni. Scenario perfetto quello dell’incantevole Teatro Antico per la tragedia più conosciuta di Euripide che ci racconta della difficoltà di Medea di farsi accettare come donna, e di non farsi implodere dal solo ruolo di accudimento e di madre. Il giorno successivo, Il 9 agosto, Gabriele Lavia diventa attore ed interpreta Il sogno di un uomo ridicolo di Fedor Dostoevskij. La pie’ce teatrale offre una riflessione profonda e appassionata sulla condizione dell’essere umano. Il monologo rappresenta un mondo che si e’ condannato alla sofferenza, auto-recluso, serrato e costretto in una metaforica camicia di forza, condizione e impedimento di ogni buona azione.

Il 14 agosto è la volta del TAORMINA LYRIC SUMMER CONCERT, un Gran Gala in onore di Vincenzo Bellini, il compositore siciliano più amato nel mondo. Tre serate di grande danza internazionale con acclamati ballerini protagonisti nei teatri più prestigiosi al mondo: il 22 e 23 agosto Les Italiens de l’Opera con Alessio Carbone e altri ballerini italiani diventati famosi all’ombra della Tour Eiffel con brio, eleganze e personalità entusiasmeranno l’estimatori della danza classica e moderna. E il 2 settembre Love con Eleonora Abbagnato per le coreografie di Giuliano Peparini.

Love è un lavoro in un unico tempo che vede protagonista l’amore in tutte le sue declinazioni, amore per l’ambiente, per il prossimo, per se’ stessi, per il compagno, i figli. La colonna sonora sara’ un collage di vari brani che vanno dalla musica barocca alle canzoni di Frank Sinatra. Il 5 e il 6 Settembre infine Oltre lo Spazio, in viaggio con la musica con Valentina Tereshkova, coproduzione Fondazione Taormina Arte Sicilia, Fondazione Valentina Tereshkova, Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana. Un progetto multimediale musicale dedicato alla prima donna nello spazio, la russa Valentina Tereshkova.

Sempre al Teatro Antico, il 13 agosto lo spettacolo Sono solo canzonette con Edoardo Bennato; il 16 agosto International Guitar Night una grande festa cento virtuosi chitarristi tra i quali Bireli Lagrene, Yamondou Costa, Francesco Buzzurro, Adam Palma, il 18 agosto si ripetera’ la magia dello spettacolo all’alba, il 4 settembre Emozioni – Viaggio tra le canzoni di Lucio Battisti con Mogol, Gianmarco Carroccia e Orchestra e il 10 settembre lo spettacolo Fedra con la regia di Giovanni Anfuso.

Soddisfazione è espressa anche dal commissario straordinario della Fondazione Taormina Arte Sicilia, Bernardo Campo, sia per l’elevata qualità artistica della programmazione che darà impulso certamente alla ripresa turistica di Taormina, che per le importanti collaborazioni con l’Orchestra Sinfonica Siciliana, il Teatro Massimo Bellini di Catania e, in campo internazionale con la prestigiosa Fondazione russa Valentina Tereshkova.

Testimonial di Taormina Arte 2020, presente sul manifesto ufficiale della manifestazione, la sacerdotessa di Iside, l’importante reperto archeologico ritrovato a Taormina e testimonianza raffinatissima e particolarmente rara del culto romano (di origine egiziana) di Iside e Giove Serapide in Sicilia e in particolare a Taormina, per una stagione culturale fortemente voluta, simbolo di rinascita, di desiderata armonia, simbolo di vita nova. La programmazione 2020 al Teatro Antico e’ organizzata dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia, con l’Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo, l’Assessorato Regionale Beni Culturali e Identità Siciliana, il Comune di Taormina e il Parco Archeologico Naxos-Taormina.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.