Taormina, una passerella collegherà l'ospedale con la Radioterapia :ilSicilia.it
Messina

l'Asp ha stanziato 100 mila euro

Taormina, una passerella collegherà l’ospedale con la Radioterapia

di
9 Dicembre 2019

L’Asp Messina ha previsto un piano di interventi che prevede la realizzazione di una passerella aerea per collegare l’ospedale San Vincenzo di Taormina con la Radioterapia. Si tratta di opere dell’importo di 100 mila euro che consentiranno una connessione diretta tra i locali dove si curano i pazienti oncologici e l’edificio principale del nosocomio di contrada Sirina.

Il collegamento sarà possibile attraverso un elevatore che dal secondo piano porterà alla terrazza e poi alla passerella e da qui alla Radioterapia che si trova nella parte superiore del complesso ospedaliero. Le opere dovrebbero scattare nei primi mesi del nuovo anno, tenendo anche conto che intanto c’e’ stata l’avvenuta pubblicazione del bando gara.

L’obiettivo è quello di porre così rimedio ad un problema logistico non indifferente, visto che sin qui in alcuni casi per il trasporto si e’ dovuto fare talvolta ricorso anche alle ambulanze. Con la passerella che si intende realizzare si dovrebbe facilitare il trasporto dei pazienti con barelle e sedie a rotelle.

Il 2020 ormai alle porte potrebbe comunque essere l’anno della svolta al San Vincenzo anche e soprattutto per il progetto di ampliamento dei parcheggi, sul quale la Regione Siciliana ha già dato il via libera ad un piano da 16 milioni di euro.

L’Asp Messina ha chiesto all’ufficio speciale per la progettazione, presso la Regione, di procedere all’avvio delle necessarie attività di indagine geologica e alle conseguenti attività propedeutiche allo studio di fattibilità.

Si parla in questo caso di un progetto ambizioso che prospetta un posteggio che distribuirebbe 350 posti macchina su più piani collegati direttamente con l’ospedale.

L’area a sosta in cantiere, se verrà realizzata, sarebbe poi collegata con percorsi coperti all’ingresso del presidio. Inoltre in questo contesto si prevede una piastra da utilizzare come moderna pista di atterraggio per gli elicotteri e la realizzazione di una sala convegni, di una sala ristorazione e dell’elipista abilitata al volo notturno.

Tutte addizioni che migliorerebbero la qualità logistica e infrastrutturale del presidio ospedaliero ma soprattutto porrebbero rimedio ai disagi quotidiani dell’utenza che sempre più numerosa fruisce dell’ospedale di Taormina.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.