Tappeto di scarpe da bambino a Palermo: la protesta per un pianeta più sano | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

PER IL FUTURO DELLE NUOVE GENERAZIONI

Tappeto di scarpe da bambino a Palermo: la protesta per un pianeta più sano | FOTO

di
4 Luglio 2020

Guarda le foto in alto

Nella centralissima piazza Pretoria di Palermo, per tutta la mattina di sabato 4 luglio, la scalinata della piazza monumentale è stata occupata da oltre cento paia di scarpe di bambini e bambine.

Ai lati di questo “tappeto di scarpe”, gli attivisti e le attiviste del movimento Extinction Rebellion, insieme a persone che si sono unite spontaneamente, hanno presenziato, immobili e silenziosi, mostrando cartelli in cui si ricordavano vari aspetti della crisi climatica ed ecologica e in cui si denunciava che, continuando a non fare nulla per fermarla, stiamo di fatto negando un futuro ai bambini di oggi e alle prossime generazioni.

Si è svolta così la prima azione del gruppo palermitano del movimento internazionale che, nato a Londra nel novembre del 2018, si è diffuso rapidamente in tutti e cinque i continenti abitati e che conta tra i suoi attivistianche tante celebrità di spicco, come il premio oscar Joaquin Phoenix.

Extinction Rebellion, attraverso azioni performative e di disobbedienza civile nonviolenta, chiede a gran voce che vengano immediatamente intraprese azioni reali, da parte di chi ci governa, per invertire la rotta che sta portando, in maniera persino più rapida di quanto prevedevano gli scienziati, al collasso climatico ed ecologico.

L’azione si è conclusa in tarda mattinata con un die-in, una delle pratiche più diffuse delle performance di Extinction Rebellion in tutto il mondo.

La dichiarazione

“Migrazioni climatiche, pandemie, desertificazione e impoverimento del suolo, siccità, l’aria diventata ormai tossica, il mare che si surriscalda e che è soffocato dalla plastica, fenomeni metereologici estremi sempre più frequenti, erosione della costa e innalzamento del livello del mare, livelli di Co2 in impennata, nonostante il lockdown:  questi sintomi della crisi climatica ed ecologica non sono previsioni o minacce future, sono fenomeni che si verificano già, anche nel nostro paese e nella nostra isola. L’emergenza non lontana né nel tempo, né nello spazio” dichiara un attivista del movimento “noi ci siamo posti di fronte a un interrogativo morale: estinzione o ribellione? E abbiamo scelto di ribellarci per la vita, anche per i figli e le figlie di questo mondo, la cui voce oggi vogliamo portare qui, in strada con noi.

E’ per la nostra stessa sopravvivenza che abbiamo bisogno di una transizione ecologica equa, giusta e inclusiva.

La normalità era il problema, insomma, e noi ci impegniamo per essere parte del cambiamento.

Abbiamo pochissimo tempo, ma possiamo ancora trasformare questa crisi planetaria in opportunità.”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.