Tardino (Lega): "Orlando si occupi dei problemi di Palermo" :ilSicilia.it
Palermo

L'attacco al Sindaco di Palermo

Tardino (Lega): “Orlando si occupi dei problemi di Palermo”

di
13 Gennaio 2020

“Secondo OrlandoPalermo è diventata la città più sicura d’Italia’ grazie alla sua politica di accoglienza indiscriminata. Di avviso diverso i cittadini palermitani, che si confrontano con una realtà quotidiana ben diversa da quelle illustrata dal sindaco, e che sono stufi della sua mancanza di progettualità per Palermo”.

Così Annalisa Tardino, europarlamentare della Lega, commenta le ultime dichiarazioni di Orlando in occasione di un incontro pubblico a Berlino con i rappresentanti dei comuni tedeschi di Potsdam e Düsseldorf.

“Dall’emergenza rifiuti, alla situazione delle periferie, alla mancanza di lavoro, questi i veri problemi della città, di cui Orlando e la sua maggioranza farebbero bene ad occuparsi trovando soluzioni concrete, invece che presenziare a convegni in giro per l’Europa – l’europarlamentare siciliana conclude  sottolineando che – Evidentemente non ha altri argomenti di cui parlare. È il classico esempio della sinistra di cui gli italiani si sono stufati, come hanno dimostrato a più riprese, a sostegno delle proposte della Lega e di Salvini. Arriverà anche il turno di Palermo e noi saremo pronti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.