Targa Florio, l'allarme lanciato da Mele (Pd): "Nuovo progetto del tracciato ferroviario consente la distruzione di Floriopoli" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Targa Florio, l’allarme lanciato da Mele (Pd): “Nuovo progetto del tracciato ferroviario consente la distruzione di Floriopoli”

di
8 Marzo 2022

 

Grido di allarme di Manlio Mele, Coordinatore regionale del Dipartimento Cultura del Partito Democratico, per l’imminente definitiva compromissione della Floriopoli e di parte del tracciato della Targa Florio.

Rfi, nell’ambito del più generale progetto che prevede il raddoppio della ferrovia Palermo-Catania-Messina, adesso inserito tra le opere infrastrutturali del Pnrr, ha avviato le procedure per l’approvazione del progetto che riguarda la direttrice Fiumetorto-Lercara Friddi (di circa 30 Km) che si svilupperà attraverso un nuovo tracciato con doppio binario.

Nell’ambito della realizzazione di tale progetto Rfi prevede la realizzazione di un viadotto che attraverserebbe la vallata del fiume Torto per terminare a ridosso di Floriopoli, dove sarebbe prevista la costruzione di una grande rotonda. “Non sottovalutando l’importanza di un celere collegamento ferroviario – ha dichiarato Manlio Mele – non è pensabile che in dispregio dello storico tracciato della Targa Florio e delle storiche tribune si possa compromettere uno dei più importanti brend siciliani apprezzati nel mondo come quello della Targa Florio”.

E’ paradossale – continua Manlio Mele – che la Regione Siciliana con la L.R. 9/2002 abbia formalmente riconosciuto la Targa Florio come uno dei modelli più importanti per la diffusione dell’immagine della Sicilia nel mondo, salvaguardando la manifestazione automobilistica “Targa Florio” ideata da Vincenzo Florio e dichiarata patrimonio storico-culturale della Regione Siciliana, ed oggi permetta lo scempio dello storico tracciato”.

Il parco tematico di Parco Floriopoli dovrebbe essere piuttosto un grande attrattore culturale divenendo uno dei volani principale per lo sviluppo non solo dell’area ma dell’intera Sicilia. Nel 2004 Rfi aveva proposto un progetto approvato dal Comune di Termini Imerese. Successivamente, tuttavia, Rfi presentò all’improvviso un nuovo progetto che fu bocciato dal Consiglio Comunale di Termini Imerese, contestato anche da Anas.

Mi auguro che l’Assessorato Territorio ed Ambiente voglia celermente intervenire presso il Governo nazionale e per esso presso il Ministero dei Trasporti, affinchè il progetto proposto possa essere rivalutato e con esso l’impatto devastante che avrebbe su una intera area. Ricordiamo peraltro – conclude Mele – che la modifica dell’articolo 9 della Costituzione Italiana ha introdotto un importante elemento di innovazione e cioè “la tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi….” che nel caso in esame verrebbe totalmente disatteso”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.