Targa Florio motociclistica, torna la disputa sulle Madonie :ilSicilia.it

Presentata sul palco del  Motor Bike Expo di Verona

Targa Florio motociclistica, torna la disputa sulle Madonie

di
22 Gennaio 2018

Presentata sul palco del  Motor Bike Expo di Verona, una delle fiere del motociclismo internazionale più prestigiose d’Europa gremita da uno straordinario pubblico di appassionati, la ventesima edizione della Targa Florio Motociclistica, che anche quest’anno tornerà a disputarsi sulle Madonie per iniziativa dell’Automobile Club Palermo coordinata dall’ex campione della Dakar Ciro De Petri in partenariato con la storica casa motociclistica Mv Agusta ed altri importanti partners come Brembo e Dainese, aziende leader nella componentistica ed abbigliamento motociclistico. La principale novità di quest’anno sta nella collocazione temporale della manifestazione, che si svolgerà il 29 e 30 settembre 2018.

Inoltre il presidente Angelo Pizzuto in collaborazione con l’amministrazione comunale di Palermo, sta organizzando una esibizione deii  campioni che hanno fatto la storia come Gianfranco Bonera, Marco Lucchinelli, Virginio Ferrari e naturalmente il mito Giacomo Agostini che, con le moto storiche dei loro grandi successi mondiali fornite dalla MV e dai collezionisti presenti,  attraversera’ il circuito della Real Favorita,  rievocando i fasti del passato a beneficio degli appassionati di tutto il mondo.  Il grande successo della edizione 2017, con un pubblico strepitoso di appassionati e di grandi campioni, hanno convinto il presidente dell’Automobile Club Angelo Pizzuto a rilanciare l’iniziativa, con la De Petri Adventure gia’ all’opera per mettere insieme il parterre di grandi campioni e di collezionisti di moto d’epoca per conferire alla gara un indiscusso prestigio sia di partecipanti ma anche e soprattutto di qualita’ delle moto presenti.

Sarà riproposta l’esibizione sui 7,5 km che portano dalle storiche Tribune di Floriopoli a Cerda. La gara vera e propria, aperta a tutti i concorrenti, si correrà sul medio circuito della Targa Florio che ha ospitato 11 delle edizioni precedenti di moto targa su una lunghezza di 104 km.

“Visto il grande successo di critica ma soprattutto del pubblico per la scorsa edizione  – ha dichiarato il presidente dell’Automobile Club di Palermo Angelo Pizzuto – non potevamo non continuare una iniziativa di straordinaria qualità. Anche quest’anno sara’ una gara di regolarità – conclude Pizzuto – ma stiamo lavorando con Ciro De Petri ad un percorso dove realizzare un Tourist Trohy, sul modello dell’Isola di Man o della RAC, il sogno di migliaia di appassionati che accorreranno in massa per partecipare o assistere all’evento, e con esso rilanciare la nostra terra in termini di visitatori, di moto turismo e disoccupazione da parte di un indotto che si annuncia formidabile”.

Dalle ricerche condotte dall’Automobile Club in collaborazione con la rivista con “Motociclismo” (il vangelo di questa disciplina)  fondata nel 1914, confrontate anche con siti francesi ed internazionali, il cavaliere Vincenzo Florio organizzò la Targa Florio Motociclistica dal 1920 al 1929 per dieci edizioni sul medio circuito delle Madonie. Successivamente la gara fu trasferita al Parco della Real Favorita di Palermo fino al 1940 (l’ultima edizione) che si tenne nel 1940. Furono annullate le edizioni degli anni 1937,1938 e 1939 a causa della guerra in Abissinia ed altri conflitti dell’epoca che ne impedirono il regolare svolgimento. Inoltre l’ultima edizione del 1940 fu vinta da Massimo Masserini.

Previsto anche, come nelle migliori tradizioni della Targa, l’annullo filatelico dedicato per gli appassionati collezionisti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin