Targa Florio, trionfa Ford: Campedelli - Canton portano a casa il titolo | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

IL DUO ROMAGNOLO BALZA IN TESTA AL CAMPIONATO ITALIANO

Targa Florio, trionfa Ford: Campedelli – Canton portano a casa il titolo | FOTO

di
12 Maggio 2019
Campedelli Canton FordFiesta R5
Campedelli Canton FordFiesta R5
Campedelli Canton FordFiesta R5
Crugnola Ometto VwPolo R5
Galipò Pintaudi SkodaFabiaR5
Targa Florio - Riolo
Rossetti Mori CitroenC3 R5
Angelucci LoNeri SkodaFabia R5

Guarda la fotogallery in alto

Targa Florio
Tania Canton alla partenza da Piazza Verdi

Simone Campedelli e Tania Canton vincono la 103^ edizione della Targa Florio, conclusasi ieri sera sul lungomare di Termini Imerese. Il team, alla guida della Ford Fiesta R5 del Project Team, conquista la storica gara siciliana e balza al comando del Campionato Italiano Rally.

Al termine della gara, il pilota romagnolo ha dichiarato: “Oggi, nel primo giro di prove, abbiamo ingaggiato una battaglia durissima con Rossetti. Poi nel secondo giro abbiamo attaccato entrambi, nessuno voleva arrivare secondo oggi alla Targa Florio davanti a questo pubblico così esaltante e appassionato. Nelle ultime due prove abbiamo solo pensato a fare tutto bene e alla fine ci siamo riusciti”.

Al secondo posto si piazza il duo Luca Rossetti – Eleonora Mori, alla guida della Citroen C3 R5. Il duo è stato in testa alla classifica assoluta della Targa Florio fino a metà gara, ma poi ha avuto dei problemi di elettronica che hanno compromesso la prima posizione in classifica. Il pilota friulano si dice amareggiato per quanto successo: “Purtroppo, abbiamo avuto una panne elettrica sulla PS11 e sulla successiva e la vettura si è spenta. La lotta con Campedelli, che ha comunque meritato la vittoria, è stata davvero intensa e poi abbiamo dovuto difendere con i denti questo secondo posto”.

Team Crugnola
Crugnola – Ometto alla partenza da Piazza Verdi

Chiude il podio della Targa Florio la coppia Andrea Crugnola – Pietro Ometto, alla guida della Wolkswagen Polo R5. L’equipaggio è stato vittima di un problema meccanico alla frizione già nella prima giornata di gara, il che ha frenato la rincorsa del duo varesino.

La coppia Crugnola – Ometto si è comunque rifatta nella seconda giornata della Targa Florio, portandosi a casa ben sei prove speciali.

Alla chiusura dell’evento, il pilota varesino ha dichiarato: “Sono contento, nel secondo giro di prove ci siamo avvicinati molto al vertice. E’ stata una seconda parte di gara positiva e abbiamo ottimizzato alcuni dettagli sulla vettura. Alla fine per il secondo posto ci ho provato, ma va bene anche così sul podio”.

Per quanto riguarda i piloti siciliani, decima posizione assoluta per Profeta, alla guida della sua Skoda R5, mentre Angelucci conquista la prova della Coppa Rally di Zona.

Targa Florio
Lombardo – Merendino – Porsche Carrera 911 RS

E’ stata rivolta grande attenzione, da parte del pubblico che ha partecipato alla manifestazione, alla categoria “Historic” vinta per la quarta volta in carriera da Totò Riolo, navigato da Gianfranco Rappa su Subaru.

Terza piazza, e primo gradino del podio in carriera, per il duo composto da Mauro Lombardo e il suo navigatore Rosario Merendino, alla guida di Porsche 911 Carrera RS. Il duo del Team Guagliardo vince un competitivo secondo raggruppamento, conducendo una gara di grande regolarità.

Alla fine della gara il pilota di Cefalù ha commentato: “Primo podio in ‘carriera’ conseguito alla ‘Targa’ e, ovviamente, grande soddisfazione che, in parte, ha mitigato l’amarezza per il ritiro anticipato di mio figlio Angelo. Detto questo, abbiamo fatto il nostro impostando una gara cum grano salis, come si suol dire. Una tattica improntata alla prudenza e all’attesa che, alla fin fine, ha pagato. D’altronde, le posizioni si erano già delineate nel primo giro, per cui non avrebbe avuto alcun senso alzare i ritmi e incorrere in inutili rischi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.