Targa Florio, trionfa Ford: Campedelli - Canton portano a casa il titolo | FOTO :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

IL DUO ROMAGNOLO BALZA IN TESTA AL CAMPIONATO ITALIANO

Targa Florio, trionfa Ford: Campedelli – Canton portano a casa il titolo | FOTO

di
12 Maggio 2019
Campedelli Canton FordFiesta R5
Campedelli Canton FordFiesta R5
Campedelli Canton FordFiesta R5
Crugnola Ometto VwPolo R5
Galipò Pintaudi SkodaFabiaR5
Targa Florio - Riolo
Rossetti Mori CitroenC3 R5
Angelucci LoNeri SkodaFabia R5

Guarda la fotogallery in alto

Targa Florio
Tania Canton alla partenza da Piazza Verdi

Simone Campedelli e Tania Canton vincono la 103^ edizione della Targa Florio, conclusasi ieri sera sul lungomare di Termini Imerese. Il team, alla guida della Ford Fiesta R5 del Project Team, conquista la storica gara siciliana e balza al comando del Campionato Italiano Rally.

Al termine della gara, il pilota romagnolo ha dichiarato: “Oggi, nel primo giro di prove, abbiamo ingaggiato una battaglia durissima con Rossetti. Poi nel secondo giro abbiamo attaccato entrambi, nessuno voleva arrivare secondo oggi alla Targa Florio davanti a questo pubblico così esaltante e appassionato. Nelle ultime due prove abbiamo solo pensato a fare tutto bene e alla fine ci siamo riusciti”.

Al secondo posto si piazza il duo Luca Rossetti – Eleonora Mori, alla guida della Citroen C3 R5. Il duo è stato in testa alla classifica assoluta della Targa Florio fino a metà gara, ma poi ha avuto dei problemi di elettronica che hanno compromesso la prima posizione in classifica. Il pilota friulano si dice amareggiato per quanto successo: “Purtroppo, abbiamo avuto una panne elettrica sulla PS11 e sulla successiva e la vettura si è spenta. La lotta con Campedelli, che ha comunque meritato la vittoria, è stata davvero intensa e poi abbiamo dovuto difendere con i denti questo secondo posto”.

Team Crugnola
Crugnola – Ometto alla partenza da Piazza Verdi

Chiude il podio della Targa Florio la coppia Andrea Crugnola – Pietro Ometto, alla guida della Wolkswagen Polo R5. L’equipaggio è stato vittima di un problema meccanico alla frizione già nella prima giornata di gara, il che ha frenato la rincorsa del duo varesino.

La coppia Crugnola – Ometto si è comunque rifatta nella seconda giornata della Targa Florio, portandosi a casa ben sei prove speciali.

Alla chiusura dell’evento, il pilota varesino ha dichiarato: “Sono contento, nel secondo giro di prove ci siamo avvicinati molto al vertice. E’ stata una seconda parte di gara positiva e abbiamo ottimizzato alcuni dettagli sulla vettura. Alla fine per il secondo posto ci ho provato, ma va bene anche così sul podio”.

Per quanto riguarda i piloti siciliani, decima posizione assoluta per Profeta, alla guida della sua Skoda R5, mentre Angelucci conquista la prova della Coppa Rally di Zona.

Targa Florio
Lombardo – Merendino – Porsche Carrera 911 RS

E’ stata rivolta grande attenzione, da parte del pubblico che ha partecipato alla manifestazione, alla categoria “Historic” vinta per la quarta volta in carriera da Totò Riolo, navigato da Gianfranco Rappa su Subaru.

Terza piazza, e primo gradino del podio in carriera, per il duo composto da Mauro Lombardo e il suo navigatore Rosario Merendino, alla guida di Porsche 911 Carrera RS. Il duo del Team Guagliardo vince un competitivo secondo raggruppamento, conducendo una gara di grande regolarità.

Alla fine della gara il pilota di Cefalù ha commentato: “Primo podio in ‘carriera’ conseguito alla ‘Targa’ e, ovviamente, grande soddisfazione che, in parte, ha mitigato l’amarezza per il ritiro anticipato di mio figlio Angelo. Detto questo, abbiamo fatto il nostro impostando una gara cum grano salis, come si suol dire. Una tattica improntata alla prudenza e all’attesa che, alla fin fine, ha pagato. D’altronde, le posizioni si erano già delineate nel primo giro, per cui non avrebbe avuto alcun senso alzare i ritmi e incorrere in inutili rischi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco