Tari a Palermo, Ferrandelli: "Tagliamo le tasse non dovute" :ilSicilia.it

Tari a Palermo, Ferrandelli: “Tagliamo le tasse non dovute”

di
16 Maggio 2020

“Raccolgo, ancora una volta, l’appello delle associazioni di categoria, Confcommercio in testa, di ridurre la Tari per le utenze commerciali in misura proporzionale ai giorni di chiusura obbligata”.

Queste le dichiarazioni dell’esponente nazionale di +Europa e leader dell’opposizione in consiglio comunale Fabrizio Ferrandelli.

“Ritengo doveroso, infatti, non soltanto ritardare, ma soprattutto stralciare le somme di tutte le imposte versate al Comune per servizi non goduti: a partire dalla Tari, per continuare con la Tosap, finendo con la Ztl

La delibera ARERA di questi giorni ci incoraggia su questa direzione e circa le coperture necessarie. Sono disponibile a lavorare, da subito, ad una deliberazione di Consiglio, qualora necessaria, – conclude Ferrandelli- anche se si dovrebbe procedere con un semplice recepimento gestionale”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin