Tari. Figuccia: "Stangata del Comune agli evasori? Colpa di Orlando" :ilSicilia.it
Palermo

Sabrina Figuccia vs il sindaco Orlando

Tari. Figuccia: “Stangata del Comune agli evasori? Colpa di Orlando”

11 Ottobre 2017

“E’ giusto perseguire i grandi evasori fiscali, ma finora il Comune che cosa ha fatto? Perché siamo arrivati a questa situazione? Se i servizi offerti ai cittadini sono di un livello così basso. E’ colpa di chi evade o perché questa amministrazione non sa utilizzare bene le risorse che riesce ad incassare?”. Duro attacco della consigliera comunale dell’Udc, Sabrina Figuccia, nei confronti del sindaco Orlando, che ieri a presentato il piano antievasione tributaria del Comune.

“Dopo decenni sulla poltrona da sindaco – ha aggiunto la Figuccia – finalmente Orlando si è svegliato e ha deciso di dare la caccia a chi non paga le tasse comunali, a cominciare dalla tari, l’imposta sui rifiuti. Bene, anzi benissimo, ma perché non ci ha pensato prima?”.

“Se i conti comunali sono ormai al collasso, gran parte della colpa è soltanto sua, considerato che non ha mai adottato una vera e concreta politica fiscale. Adesso, la grancassa della lotta ai grandi evasori, che sembra quasi voler gettare fumo negli occhi dei palermitani per nascondere la realtà che tutti vivono quotidianamente, quella di una città stracolma di rifiuti, con un servizio che fa acqua da tutte le parti”.

“Dice il sindaco: ‘ma la colpa è di chi non paga’. Bene, e perché finora ha fatto finta di niente? Perché vessare i contribuenti onesti con tasse altissime, le più alte d’Italia, tanto che molti non riescono a farvi fronte perché penalizzati dalla devastante crisi economica?”.

“Quello di Orlando e del suo assessore al Bilancio – ha concluso la consiglieraha tutta l’apparenza dell’ennesimo proclama, sulla scia infinita dei suoi innumerevoli colpi di teatro, buoni soli a riempire le pagine dei giornali, ma non quelle delle casse comunali”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona