Tassa di soggiorno e ticket parcheggi: 70% di perdite a Taormina :ilSicilia.it
Messina

le prime stime della crisi Covid

Tassa di soggiorno e ticket parcheggi: 70% di perdite a Taormina

di
1 Giugno 2020

In attesa di capire con esattezza quale aiuto economico potrà arrivare dal Governo Conte e della Regione Siciliana, il Comune di Taormina fa i conti con le mancate entrate e prova a quantificare le perdite effettive che si registreranno da qui ai prossimi mesi. Si stima, in particolare, con una prima proiezione a quanto potrebbe ammontare il buco che si verrà a creare nel forziere comunale per quanto riguarda la tassa di soggiorno e anche il ticket di ingresso nei parcheggi. Lo spettro è quello di perdite per il 70% rispetto agli anni scorsi.

La tassa di soggiorno, che nel 2019 aveva portato 3 milioni e 400 mila euro nelle casse comunali, stavolta potrebbe invece far registrare un gettito che nella migliore delle ipotesi non supererà il 20% o il 30% rispetto al più recente introito della passata annualità: quindi si ritiene che, a fine 2020, nella più ottimistica delle ipotesi il Comune potrebbe recuperare soltanto 700 mila euro o poco di più. Ma lo stesso discorso vale per il ticket di ingresso nei parcheggi di Asm, che l’azienda municipalizzata riscuote per conto del Comune e che vale un gettito annuo di circa 750 mila euro. Anche in questo caso potrebbe essere recuperato un importo forse pari a 300 mila euro.

C’è da tenere conto che i parcheggi in questi primi mesi dell’anno hanno introitato poco o nulla. Una perdita non solo per il ticket che va nelle casse del Comune, un danno per gli incassi mancati di Asm. L’azienda, in virtù dell’emergenza sanitaria, si è vista costretta a chiudere il Lumbi lo scorso marzo, il posteggio sino ancora a questo momento è rimasto indisponibile all’utenza perché in pratica non c’è clientela. Non ci sono i turisti stranieri perché le frontiere sono chiuse, i movimenti tra le regioni forse ripartiranno nei prossimi giorni, e il turismo di prossimità rimane un grande punto interrogativo, così al momento si sta valutando se e quando riaprire il Lumbi.

Il Comune che nel 2020 aveva introitato tra tassa di soggiorno e ticket parcheggi circa 4 milioni di euro, corre il concreto rischio di chiudere il 2020 con un incasso di Un milione di euro circa. Dai trasferimenti statali per gli enti locali che potrebbero ammontare a 12 miliardi potrebbe arrivare per il Comune una somma, a quanto pare, di 2 milioni di euro ma al momento tutto rimane nel campo delle ipotesi e delle speranze e l’amara certezza è che la crisi economica, che affligge Palazzo dei Giurati come gli operatori economici, è uno spettro sempre più ingombrante.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin