Tasse non riscosse a Messina: De Luca valuta il baratto amministrativo :ilSicilia.it
Messina

quesito alla Corte dei Conti

Tasse non riscosse a Messina: De Luca valuta il baratto amministrativo

di
22 Gennaio 2020

Il Comune di Messina stringe i tempi per provare a recuperare una parte dei crediti maturati per quanto concerne il mancato pagamento dei tributi comunali.

L’attenzione si rivolge nello specifico sulla situazione dei soggetti in difficoltà economiche, che non avrebbero la possibilità di versare agli uffici di Palazzo Zanca le somme dovute. La Giunta del sindaco Cateno De Luca ha così predisposto un quesito da rivolgere alla Corte dei Conti per verificare la percorribilità di compensare questo vulnus attraverso misure alternative “trattenendo parte delle somme che questi soggetti potrebbero ricevere dal Comune a titolo di borse lavoro o altre misure di assistenza sociale”

“Abbiamo affrontato insieme al segretario generale, dott.ssa Rossana Carrubba, all’assessore Dafne Musolino e all’esperto Federico Basile – spiega De Luca – il merito della strategia che intendiamo attuare per la riduzione dei crediti maturati nei confronti dei soggetti che si trovano in condizioni economiche disagiate e della integrazione delle misure sociali (borse di lavoro) con quelle di riduzione del debito dei soggetti percettori di queste misure. In sostanza, quello che vogliamo verificare, proponendo un apposito quesito alla Corte dei Conti è se, ed in quale misura, il Comune possa recuperare i propri crediti nei confronti dei soggetti che non hanno un reddito (e che per tale ragione, al netto di eventuali esenzioni, hanno accumulato un debito per il mancato pagamento dei tributi comunali) trattenendo parte delle somme che questi soggetti potrebbero ricevere dal Comune a titolo di borse lavoro o altre misure di assistenza sociale. Una tale misura consentirebbe al Comune non solo di evitare un ulteriore indebitamento da parte di questi soggetti, ma anche di recuperare i crediti dei precedenti esercizi, che non possono essere estinti con il ricorso al baratto amministrativo che riguarda solo i tributi futuri”.

“Un’ulteriore misura che di certo introdurremo, uniformandoci alle nuove disposizioni in materia – continua De Luca –, è quella che prevede che chiunque vanta un rapporto con il Comune di Messina dovrà essere in regola con i tributi locali, attribuendo espressamente il potere al Comune di trattenere sulle somme da erogare la parte necessaria ad estinguere i debiti dovuti per il mancato pagamento dei tributi comunali. Perciò sia il dipendente del Comune che il consigliere comunale o di circoscrizione riceveranno una trattenuta nella loro busta paga (o nella indennità erogata) fino alla estinzione delle somme dovute”.

“Infine, come già attuato dal Dipartimento Servizi alle Imprese conclude De Luca , verrà pretesa da tutti la regolarità contributiva locale, per cui non verranno rilasciate autorizzazioni, licenze, permessi o altri provvedimenti a soggetti che non risulteranno in regola con i tributi locali. Queste sono misure concrete e di immediata attuazione che consentiranno di debellare la piaga sociale della evasione fiscale e tributaria, che talvolta è dovuta a condizioni di disagio economico, ma in molte altre occasioni è causata da una totale strafottenza verso il proprio dovere di cittadino, che è quello di concorrere alla spesa pubblica in misura proporzionale alle proprie risorse”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.