Tavolate di Natale, il Covid non ferma le ordinazioni ma frammenta i consumi | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

A ridosso delle feste

Tavolate di Natale, il Covid non ferma le ordinazioni ma frammenta i consumi | VIDEO

di
25 Dicembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il protrarsi della seconda ondata di coronavirus è destinato ad avere un impatto molto forte anche sul Natale, segnato dalle restrizioni adottate per il contenimento del contagio. Le tradizionali tavolate assieme ad amici e parenti quest’anno sono off-limits e lasciano spazio ad una convivialità più limitata e tecnicamente compatibile con la necessità di ridurre ai minimi termini le occasioni di contatto.

Una circostanza questa che rende lo scenario dei consumi alimentari particolarmente complesso. Se la ristorazione “frontale” si sta ormai confrontando da mesi con le restrizioni e le correlate conseguenze, tutte quelle attività che lavorano principalmente o collateralmente con domicili e asporti si ritrovano di fronte a una situazione asimmetrica.

Questa situazione è data dal fatto che a fronte un’accresciuta necessità generica di avere dei prodotti o delle preparazioni pronte all’uso da consumare a casa vi sia una domanda di non facile lettura e segnata da diverse incognite, legate sia agli effetti della pandemia sulle scelte di consumo che alla frammentazione sociale e di conseguenza della portata delle ordinazioni.

Le testimonianze dei professionisti di settore che abbiamo raccolto riflettono le altalene di uno scenario che deve comunque confrontarsi con la realtà di crisi generata dalla pandemia.

Lorenzo Clemenza

Lorenzo Clemenza, titolare di WaikikiSushi, PokeHome e Panetthome, spiega che nel suo ambito, quello delle Dark Kitchen, la tendenza è migliore rispetto a quella generalizzata: Sicuramente rispetto allo scorso Natale c’è un po’ di contrazione, i consumi sono sicuramente diminuiti. Però è anche vero nel mio settore, io ho una dark kitchen quindi lavoro soltanto a domicilio, globalmente il numero degli ordini è aumentato rispetto lo scorso anno. Come numero totale di consumi a domicilio c’è stato un incremento: se però dovessimo sommare i consumi in generale tra domicili online e consumi ‘offline’ rispetto all’anno passato c’è stata una contrazione”.

 

Domenico Basile e Danilo Lo Cicero

 

 

Domenico Basile e Danilo Lo Cicero, chef del Bistrot Sikulo, pur riconoscendo che lo scenario pandemico è un fattore di rilievo nell’equazione, hanno tracciato un quadro positivo mostrandosi fiduciosi in vista di queste festività: “Visto il periodo storico cambierà un po’ tutto: non essendo possibile andare al ristorante o comunque fare tavolate con tante persone lavoreremo sull’asporto incentrato su prodotti di qualità con consumi che saranno valutati anche alla luce del momento segnato dal danno economico che ha fatto il virus. Sicuramente in questo periodo di festa la gente non si limiterà nell’avere una gioia al tavolo: sono convinto che le nostre tavole saranno sempre abbondanti come ogni anno, come ogni festa. Noi ci impegneremo su un servizio legato sia all’asporto singolo che alle grandi quantità come catering lavorando su menù a base di prodotti siciliani. Per fortuna le richieste ci sono, non possiamo lamentarci: siamo soddisfatti.

Riccardo Spinnato

Riccardo Spinnato, titolare dello storico bar-gastronomia omonimo ha fatto un’analisi complessiva della situazione sottolineando come l’incertezza normativa legata a queste feste renda il quadro ancora più altalenante: “È un Natale veramente particolare in cui si passa da momenti di grandissimo lavoro al deserto: alle volte ci sono grandi flotte ma sono limitate nel tempo. Le ordinazioni sono totalmente diverse rispetto agli altri anni: mentre in passato c’erano ordinazioni di grandi quantità quest’anno sono tutte ordinazioni di gruppi ridotti di tre, quattro massimo cinque persone. Questo ha cambiato logicamente tutto. Abbiamo molte persone che hanno fatto le ordinazioni per il 24 a cena e il 25 a pranzo ma siamo di fronte a un punto interrogativo perché ancora non si sa cosa si deve fare. Direi che questo è il problema principale: che si dovesse lavorare meno questo Natale era chiaro, molte persone ancora non escono e c’è paura perché il virus c’è. È però anche vero che con tutte queste incertezze che ci vengono date dallo Stato noi non sappiamo come dobbiamo fare: dobbiamo stabilire turni, cosa comprare cosa produrre ed è veramente difficilissimo, ancor di più nel caso del Natale perché anche le persone non sanno a loro volta cosa fare”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin