Teatro, al Ditirammu "Letizia forever" di Rosario Palazzolo | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Sabato 11 agosto

Teatro, al Ditirammu “Letizia forever” di Rosario Palazzolo | VIDEO

10 Agosto 2018
GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Rosario Palazzolo, drammaturgo siciliano, scrittore, regista e attore tra i più interessanti e originali della scena contemporanea, riporta in scena sabato 11 agosto (ore 21,30) uno dei suoi spettacoli più originali, “Letizia forever“, che ha già riscosso molto successo in giro per l’Italia.

palazzolo letizia forever

Nel baglio del Teatro Ditirammu, Via Torremuzza 6, Letizia, come da copione, sarà interpretato da Salvatore Nocera, accompagnato dalle voci di Giada Biondo, Floriana Cane, Chiara Italiano, Chiara Pulizzotto, Giorgio Salamone, Irene Nocera.

Letizia è una donna sgrammaticata, esilarante, poetica, semplice e complicatissima, dal linguaggio dirompente, assolutamente personale, intriso di neologismi, solecismi, e non sense semiotici che diventano caricaturali non appena prendono di mira l’instabile certezza dei luoghi comuni.

Rosario Palazzolo

Chi conosce Palazzolo, già insignito del Premio della Critica Teatrale, e il suo modo di “fare teatro” sa che quelli sulla scena non sono semplicemente attori che interpretano un ruolo ma sono, in qualche modo, alter ego possibili di ogni singolo spettatore, esempi di vita probabile che ci sfiorano ogni giorno.

È la parola il fulcro dello spettacolo che, con la puntuale interpretazione di Nocera e il sostegno, non irrisorio, di una colonna sonora volutamente anni ’80 ordisce un rebus coinvolgente e inaspettato.

Unica replica; informazioni per l’acquisto dei biglietti (15 euro intero; 12 euro ridotto) anche on-line sul sito del Teatro.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona