Teatro alla Guilla, parte la nuova stagione: danza, musica e teatro protagonisti | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

al via venerdì 29 novembre

Teatro alla Guilla, parte la nuova stagione: danza, musica e teatro protagonisti | FOTO

di
28 Novembre 2019

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Parte ufficialmente la nona stagione del Teatro alla Guilla di Palermo, nel cuore del mercato storico del Capo, con la direzione artistica dell’attore e regista da Valerio Strati.

Il primo appuntamento sarà venerdì 29 novembre con il concerto jazzLooner” di Fabrizio Brusca e Marco Grillo.

DUO BRUSCA – GRILLO

Obiettivo dei due musicisti è quello di concentrarsi sull’aspetto orchestrale, timbrico, compositivo e improvvisativo del duo di chitarra.

Oltre a presentare composizioni originali, il duo propone musiche di grandi compositori che hanno fortemente contribuito all’evoluzione della storia del jazz contemporaneo.

Parte del concerto è dedicato alla musica brasiliana di Bandolim, Antonio Carlos Jobim, Milton Nascimento e Toninho Horta.

Uno spazio, legato più all’improvvisazione e all’interplay dei due musicisti, è quello degli standard jazz firmati da Duke Ellington, Jule Styne, e Miles Davis.

PROGRAMMA DELLA NUOVA STAGIONE

La nuova stagione della Guilla accoglie anche tante prime teatrali e di danza, tra cui:

  • Per il teatro “Fiato di mamma”, il 17 e 18 gennaio, sempre di e con Sandro Dieli. Un uomo parla alla madre ammalata, silenziosa e ormai priva di coscienza apparente. L’uomo l’accudisce da anni e probabilmente da anni si trascina questo monologo del figlio con la madre. Lo spettacolo racconta il confronto tra malattia e accudimento, tra vita e morte in quel confine sottile in cui non è più chiaro chi soffra e chi no;
  • A seguire, il 7 e l’8 febbraio, “La parte mancante dell’angelo”, scritto e diretto da Domenico Bravo, con Giada Baiamonte. La storia vera di un’omosessualità in un tempo e in una regione difficile dove è impossibile rivelarsi e pensare di fare outing, all’interno di vincoli familiari considerati sacri e inviolabili;
  • Il 17 aprile “Una spina nella carne” di e con Francesca Ritrovato e le musiche dal vivo del cantautore calabrese Fabio Macagnino, che racconta le storie tratte dalle vecchie cartelle cliniche dei pazienti dell’ospedale psichiatrico di Girifalco in Calabria;
  • Per la danza, sezione curata dalla danzatrice Silvia Giuffrè, invece, come prime in calendario, c’è “Solo” di e con Carlomauro Maggiore e le musiche di Giuseppe Rizzo.

Continuiamo a proporre nuovi progetti che hanno difficoltà a veder luce in altri luoghi o spettacoli già visti che meritano una seconda visione – dice Valerio StratiIl Teatro alla Guilla è un luogo dove mettere in scena quello che si vede meno in altri contesti. Senza dimenticare il quartiere Capo e il rapporto che continuiamo a cercare di creare con il territorio. Attraverso l’arte e la solidarietà, per esempio”.

Ma gli spettacoli non finiscono qui. Vanno avanti fino al 30 maggio con:

  • C’è anche Rosario Palazzolo con il suo “Ciò che accadde all’improvviso”, dal 6 all’8 dicembre. In scena accanto allo stesso Palazzolo, Francesco Gulizzi e Anton Giulio Pandolfo;
  • E c’è Giuseppe Massa con “Miracolo”, il 21 e il 22 febbraio, che vede in scena Glory ArekekhuegbeGabriele Cicirello e Paolo Di Piazza;
  • Ritorna lo spettacolo “Alle spalle, la vita”, il 13 e il 14 marzo, scritto e diretto da Domenico Bravo e con BravoValerio Strati;
  • Mi abbandono” con Alessandra Pizzullo e Valentina Barresi;
  • E ancora per la musica, il 13 dicembre, “Duende gitano” con Floriana Patti;
  • E per la danza ancora: “Shame in Italy diritti? No, grazie!” di e con Simona Argentieri il 27 e il 28 marzo;
  • A chiudere la programmazione “Lo spaventapasseri” di e con Daniele Marranca Irénée Blin il 29 e il 30 maggio.

Anche quest’anno la Guilla propone la formula del “Pane e teatro”, con una serie di serate solidali in cui il pubblico invece di pagare un biglietto porta a teatro dei generi alimentari da donare alle famiglie bisognose del quartiere, tramite le associazioni attive sul territorio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.