Teatro alla Guilla, parte la nuova stagione: danza, musica e teatro protagonisti | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

al via venerdì 29 novembre

Teatro alla Guilla, parte la nuova stagione: danza, musica e teatro protagonisti | FOTO

28 Novembre 2019

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Parte ufficialmente la nona stagione del Teatro alla Guilla di Palermo, nel cuore del mercato storico del Capo, con la direzione artistica dell’attore e regista da Valerio Strati.

Il primo appuntamento sarà venerdì 29 novembre con il concerto jazzLooner” di Fabrizio Brusca e Marco Grillo.

DUO BRUSCA – GRILLO

Obiettivo dei due musicisti è quello di concentrarsi sull’aspetto orchestrale, timbrico, compositivo e improvvisativo del duo di chitarra.

Oltre a presentare composizioni originali, il duo propone musiche di grandi compositori che hanno fortemente contribuito all’evoluzione della storia del jazz contemporaneo.

Parte del concerto è dedicato alla musica brasiliana di Bandolim, Antonio Carlos Jobim, Milton Nascimento e Toninho Horta.

Uno spazio, legato più all’improvvisazione e all’interplay dei due musicisti, è quello degli standard jazz firmati da Duke Ellington, Jule Styne, e Miles Davis.

PROGRAMMA DELLA NUOVA STAGIONE

La nuova stagione della Guilla accoglie anche tante prime teatrali e di danza, tra cui:

  • Per il teatro “Fiato di mamma”, il 17 e 18 gennaio, sempre di e con Sandro Dieli. Un uomo parla alla madre ammalata, silenziosa e ormai priva di coscienza apparente. L’uomo l’accudisce da anni e probabilmente da anni si trascina questo monologo del figlio con la madre. Lo spettacolo racconta il confronto tra malattia e accudimento, tra vita e morte in quel confine sottile in cui non è più chiaro chi soffra e chi no;
  • A seguire, il 7 e l’8 febbraio, “La parte mancante dell’angelo”, scritto e diretto da Domenico Bravo, con Giada Baiamonte. La storia vera di un’omosessualità in un tempo e in una regione difficile dove è impossibile rivelarsi e pensare di fare outing, all’interno di vincoli familiari considerati sacri e inviolabili;
  • Il 17 aprile “Una spina nella carne” di e con Francesca Ritrovato e le musiche dal vivo del cantautore calabrese Fabio Macagnino, che racconta le storie tratte dalle vecchie cartelle cliniche dei pazienti dell’ospedale psichiatrico di Girifalco in Calabria;
  • Per la danza, sezione curata dalla danzatrice Silvia Giuffrè, invece, come prime in calendario, c’è “Solo” di e con Carlomauro Maggiore e le musiche di Giuseppe Rizzo.

Continuiamo a proporre nuovi progetti che hanno difficoltà a veder luce in altri luoghi o spettacoli già visti che meritano una seconda visione – dice Valerio StratiIl Teatro alla Guilla è un luogo dove mettere in scena quello che si vede meno in altri contesti. Senza dimenticare il quartiere Capo e il rapporto che continuiamo a cercare di creare con il territorio. Attraverso l’arte e la solidarietà, per esempio”.

Ma gli spettacoli non finiscono qui. Vanno avanti fino al 30 maggio con:

  • C’è anche Rosario Palazzolo con il suo “Ciò che accadde all’improvviso”, dal 6 all’8 dicembre. In scena accanto allo stesso Palazzolo, Francesco Gulizzi e Anton Giulio Pandolfo;
  • E c’è Giuseppe Massa con “Miracolo”, il 21 e il 22 febbraio, che vede in scena Glory ArekekhuegbeGabriele Cicirello e Paolo Di Piazza;
  • Ritorna lo spettacolo “Alle spalle, la vita”, il 13 e il 14 marzo, scritto e diretto da Domenico Bravo e con BravoValerio Strati;
  • Mi abbandono” con Alessandra Pizzullo e Valentina Barresi;
  • E ancora per la musica, il 13 dicembre, “Duende gitano” con Floriana Patti;
  • E per la danza ancora: “Shame in Italy diritti? No, grazie!” di e con Simona Argentieri il 27 e il 28 marzo;
  • A chiudere la programmazione “Lo spaventapasseri” di e con Daniele Marranca Irénée Blin il 29 e il 30 maggio.

Anche quest’anno la Guilla propone la formula del “Pane e teatro”, con una serie di serate solidali in cui il pubblico invece di pagare un biglietto porta a teatro dei generi alimentari da donare alle famiglie bisognose del quartiere, tramite le associazioni attive sul territorio.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.