Teatro, alle Orestiadi prima nazionale per lo spettacolo “Notturno MacBeth” :ilSicilia.it
Trapani

Dal testo di Franco Scaldati

Teatro, alle Orestiadi prima nazionale per lo spettacolo “Notturno MacBeth”

7 Agosto 2018

Per le “Orestiadi di Gibellina” 2018, venerdì 10 agosto ore 21,15 nel Baglio di Stefano (Cortile Inferiore), andrà in scena, prima nazionale, il “Notturno MacBeth” tratto dal Libro Notturno di Franco Scaldati.

franco scaldati

Più che una traduzione, un corpo a corpo poetico con la magmatica materia del Macbeth, per sottrarla ai vincoli della rappresentazione e spezzarne la narrazione.

Lo spettacolo, che vede la regia di Umberto Cantone, parte dal testo originariamente destinato alla lettura nel quale Scaldati isola alcune suggestioni dell’opera di Shakespeare innestandole nel corpo lirico della sua lingua dialetto.

In questo ordito drammaturgico tutti i temi appaiono inscritti nel paesaggio di un Sud mitologicamente trasfigurato, l’orizzonte della Palermo lavica e labirintica vista dall’autore – dice Cantoneche nel nostro studio pensato per Gibellina trova il suo ideale environment nei volumi e nell’affaccio di Palazzo Di Lorenzo, dove l’installazione di Enzo Venezia punta a esaltare il valore figurale tout court“.

Ad animare l’edificio e a far brillare l’occhio magico di un rito che assume le modalità di performance  sono le Streghe, femmine dominanti e conduttrici di caos, le cui profezie girano a vuoto perché la tragedia di Macbeth si è ormai compiuta.

Ma non sono solamente i sentimenti di punizione e di vendetta a motivare l’eterno ritorno delle Streghe sul luogo del delitto: Scaldati, infatti, le trasforma in espressione della sostanza simbolica del Macbeth.

Macbeth Scaldati

Oltre a presentarsi come angeli custodi dei conflitti e delle ambiguità di una tragedia consumata perché già scritta le Streghe qui diventano l’incarnazione spettrale del dolore atavico di Palermo che fu la città del martirio.

Diventano corpi e voci terrestri che si fanno interpreti del sangue versato da donne vittime di uomini, testimonianza antica e, insieme, contemporanea della femminilità sfregiata nella guerra quotidiana del vivere.

E così l’aspro assunto del Macbeth trova la sua traduzione scaldatiana in una nuova trama, nella quale si staglia un groviglio inestricabile d’inquietudini morali e una soluzione non conciliatoria, il manifesto di una concretezza teatrale che non respinge, e anzi ingloba, uno dei più notturni princìpi di quel testo capitale: “Non esiste altro che ciò che non esiste”.

Sulla scena Serena Barone (Strega), Aurora Falcone (Lady Macbeth), Giuseppe Tarantino (Macbeth) e Ambra Maniscalco, Chiara Italiano, Ilenia Di Simone (Streghe).

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.