Teatro Antico: il sindaco di Taormina chiede lo stop ad eventi dall'8 al 28 agosto :ilSicilia.it
Messina

Bolognari scrive a Musumeci

Teatro Antico: il sindaco di Taormina chiede lo stop ad eventi dall’8 al 28 agosto

di
3 Dicembre 2021

A Taormina non ci sono i presupposti per fare eventi estivi al Teatro Antico tra l’8 e il 28 agosto e si rischiano caos e disagi nel territorio. E’ questo il senso della lettera inviata dal sindaco di Taormina, Mario Bolognari, al presidente della Regione, Nello Musumeci, agli assessori regionali, alla Prefettura di Messina, alla presidenza della Commissione Anfiteatro Sicilia e alla direzione del Parco Archeologico di Naxos Taormina per chiedere che non si autorizzino le richieste di spettacoli – ed in particolare concerti – per i quali i privati hanno chiesto di poter avere le date nel mese di agosto.

“Dal 2018 questa Amministrazione solleva periodicamente il problema della sicurezza in occasione degli spettacoli al Teatro Antico di Taormina nel periodo più affollato dell’estate – scrive Bolognari -, in particolare nel mese di agosto. Negli anni 2020 e 2021, a causa della pandemia e delle conseguenti restrizioni che hanno portato la capacità del teatro a un terzo della sua capienza, ci siamo astenuti dal creare difficoltà all’intera macchina organizzativa degli spettacoli. Ci siamo anche fatti interpreti delle difficoltà economiche di un intero comparto. Questa tolleranza, tuttavia, non può essere confermata per la stagione 2022. Infatti, i problemi verificatisi nell’anno 2021 non possono ripetersi. Sarebbero insopportabili per la Città e metterebbero in pericolo i residenti, i residenti temporanei e i visitatori giornalieri, compresi coloro che dovranno recarsi al teatro”.

“In particolare, facciamo presente che sono state avanzate richieste nel periodo 8 – 28 agosto, non ancora deliberate dalla Commissione Anfiteatro Sicilia, per concerti di richiamo regionale, alcune in sovrapposizione, e comunque tutte irricevibili da questa Amministrazione: 8-9 agosto Giorgia; 9 agosto Fiesta Flamenca; 10 agosto Earth Wind and Fire – 10 agosto Balvin; 11-13 agosto Aida; 12 agosto Marracash – 12 agosto Enrico Brignano; 13 agosto 2 Cellos; 14 agosto Irama; 14 agosto Tebaldi Galà; 15-16 agosto Radici di un mare aperto; 17 agosto Caparezza; 19 agosto Il Trovatore; 18-19-20-21 Aida e Traviata; 22-23 agosto Carl Brave; 24 agosto Antonello Venditti; 25 agosto Fiorella Mannoia”.

Nello Musumeci e Mario Bolognari

“Su tali richieste si osserva: 1) Le sovrapposizioni sono difficilmente risolvibili e palesano un interesse commerciale comprensibile, ma che non appare facilmente compatibile con le esigenze della città di mantenere standard di sicurezza adeguati; 2) Alcuni spettacoli non sono spettacoli nuovi per Taormina e rappresentano una riproposizione che dal punto di vista della qualità dell’offerta artistica e culturale non appare soddisfacente; 3) Le opere liriche e alcuni concerti non appaiono compatibili con serate che comunque vedranno la Città già abbondantemente affollata. Tali valutazioni, che non mettono in discussione la validità degli artisti e non entrano nel merito delle tipologie di spettacoli da tenersi all’interno del Teatro Antico, area archeologica di grandissimo pregio e seconda per numero di visite in Sicilia, sono finalizzate a richiedere una sospensione degli spettacoli nel periodo 8-28 agosto per i seguenti motivi: 1) Carenza di parcheggi; 2) Difficoltà di accesso nell’area urbana; 3) Affollamento del centro storico e dell’area pedonale; 4) Impegno di agenti delle forze dell’ordine nazionali, provinciali e locali nei dispositivi di sicurezza; 5) Impegno della Polizia Locale a presidiare i varchi per servizi anti-intrusione; 6) Carenza di personale della Polizia Locale, ridotta a quattro unità 7) Impossibilità ad assicurare il servizio botteghino all’interno del Palazzo dei Congressi per mancanza di custodi e personale delle pulizie; 8) Rischio di parcheggio selvaggio e quindi di conseguente pericolo di blocco del transito dei mezzi di soccorso (Vigili del Fuoco, ambulanza, forze dell’ordine). Queste criticità non sono assolutamente affrontabili nella stagione 2022 e il rischio di una chiusura indiscriminata degli accessi diventa reale”.

“Basti pensare alle carenze di organico che tutte le istituzioni sul territorio lamentano, compresa la riduzione del corpo della Polizia Locale a quattro sole unità. Pertanto, si chiede alla Presidenza della Regione Siciliana, e specificatamente agli assessorati ai Beni culturali e al Turismo, di astenersi dall’organizzare direttamente spettacoli, alla Commissione Anfiteatro Sicilia di non autorizzare la concessione di date per spettacoli al Teatro, e al Parco Archeologico di non concedere il Teatro nel periodo indicato, cioè dall’8 al 28 agosto 2022. Al Prefetto di Messina si chiede una attenta valutazione di quanto già avvenuto nel mese di agosto 2021 e segnalato con drammaticità sulla stampa, anche al fine di prevenire situazioni di disagio che potrebbero verificarsi in futuro”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin