Teatro: applausi al Biondo per Gabriele Lavia ne "I Giganti della montagna" :ilSicilia.it
Palermo

la recensione

Teatro: applausi al Biondo per Gabriele Lavia ne “I Giganti della montagna”

di
9 Dicembre 2019

Una grande luna sta a guadare, dall’alto, tra le macerie di un teatro che occupa il palco della Sala Grande del Teatro Biondo dove replica “I Giganti della montagna“, diretto e interpretato da Gabriele Lavia.

Dei personaggi che escono dal testo incompiuto di Luigi Pirandello, Lavia, tra i più apprezzati “teatranti” nel panorama nazionale, interpreta Cotrone, il mago che “agli orli della vita vive di questi incontri”.

Gabriele Lavia

È qui che accoglie, alla villa detta La Scalogna, una compagnia di teatranti guidata dalla contessa Ilse (Federica Di Martino).

Il teatro nel Teatro

Cotrone, che per Lavia è lo stesso Pirandello, vive rifugiato o emarginato nella propria illusione che il Teatro possa essere il Luogo Assoluto. “Fuori da ogni contaminazione. Lontano da quei Giganti, da quelle “forze brute”, da quegli uomini che mettono paura solo a sentirli passare al galoppo”; si legge nelle note di regia.

Arrivano in questo luogo, che è una “continua sborniatura celeste” attraversando, rumorosi e festanti, la platea del Biondo. Sono “teatranti nel sangue, di nascita” e vanno girovagando da due anni portando in scena la Favola del figlio cambiato.

Sono anime che si scaldano con un non nulla, “larve di quello che fummo” declamano, che coltivano ancora la speranza dell’esistenza della poesia, condivisa dallo stesso Cotrone. “Ero cristiano e mi sono fatto turco per il fallimento della poesia della cristianità“, dice.

Gabriele Lavia

La “compagnia allargata” (Clemente Pernarella, Giovanna Guida, Mauro Mandolini, Lorenzo Terenzi, Gianni De Lellis, Federico Le Pera, Luca Massarogli Scalognati: Nellina Laganà, Ludovica Apollonj Ghetti, Michele Demaria, Simone Toni, Marika Pugliatti, Beatrice Ceccherinii Fantocci: Luca Pedron, Laura Pinato, Francesco Grossi, Davide Diamanti, Debora Iannotta, Sara Pallini, Roberta Catanese, Eleonora Tiberia) incanta con il suo racconto, tra abbacinanti luci dai colori acidi e movimenti che sfociano spesso, piacevolmente, nella platea, coinvolgendo simbolicamente il pubblico. E Lavia, saldo nel suo ruolo di guida, come regista e come attore, vuole raccontare di una speranza viva.

Una certezza laica, che la poesia non può morire.

Dal testo incompiuto

È un atto di fede nel Teatro soprattuto il finale dello spettacolo che, con quel velario bianco che attraversa dall’alto in basso la scena, protegge ed è pronto a svelare il suo futuro.

Il pubblico della prima applaude e omaggia la scelta di Lavia.

Lo spettacolo, coprodotto dal Teatro Biondo di Palermo, dalla Fondazione Teatro della Toscana e dal Teatro Stabile di Torino, replicherà fino al 15 dicembre.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.