Teatro Biondo, chiude la stagione il "Liolà" di Ovadia, Incudine e Benassai | TRAILER :ilSicilia.it
Palermo

Repliche fino al 20 maggio

Teatro Biondo, chiude la stagione il “Liolà” di Ovadia, Incudine e Benassai | TRAILER

di
10 Maggio 2018

 

 

Sulla scia della libertà creativa, nel rispetto dell’opera, e dell’intraprendenza Moni Ovadia e Mario Incudine, il cui sodalizio artistico ha già dato buoni frutti, insieme a Paride Benassai hanno riadattato il “Liolà” di Luigi Pirandello rendendolo una commedia musicale.

Liolà Ovadia Incudine

Lo spettacolo, che debutta in prima assoluta venerdì 11 maggio (sala Grande) e che chiude la stagione del Teatro Biondo, vedrà in scena oltre a Ovadia, Incudine e Benassai, anche: Rori Quattrocchi nel ruolo di Zà Ninfa, Stefania Blandeburgo nel ruolo di Zà Croce, Aurora Cimino, Graziana Lo Brutto, Chiara Seminara, Sabrina Sproviero, i musicisti Antonio Vasta (fisarmonica), Antonio Putzu (fiati), Manfredi Tumminello (corde) e il coro di contadini e popolani interpretato dagli attori e danzatori del Teatro Ditirammu diretto da Elisa Parrinello: Noa Blasini, Chiara Bologna, Elvira Maria Camarrone, Valentina Corrao, Francesco Di Giuseppe, Bruno Carlo Di Vita, Mattia Carlo Di Vita, Noa Flandina, Alessandra Ponente, Alessia Quattrocchi, Rita Tolomeo, Pietro Tutone, Fabio Ustica.

I costumi dello spettacolo sono di Elisa Savi, le luci di Franco Buzzanca, i movimenti scenici e le coreografie di Dario La Ferla, la direzione musicale è di Antonio Vasta.

Liolà Ovadia Incudine

Lavoro intergenerazionale” lo ha definito Ovadia che in scena parlerà, anche lui, il dialetto siciliano; Incudine, invece, ha posto l’attenzione sulla fonosfera ricreata dall’unione della parola con il suono e il canto a cui si unirà una sequenza di gesti e movenze ben studiati. Tutti gli attori, poi, hanno usato un solo aggettivo per definire il risultato ottenuto: gioioso.

Scritta in dialetto agrigentino e rappresentata per la prima volta al Teatro Argentina di Roma nel 1916 dalla compagnia di Angelo Musco, Liolà – “Commedia campestre in tre atti” secondo la definizione dell’autore, è ispirata a un episodio del quarto capitolo del romanzo “Il fu Mattia Pascal”.

Protagonista è un simpatico contadino che si aggira nelle campagne agrigentine seducendo “ragazzotte di fuorivia”, dei cui figli si fa carico affidandoli alla propria madre. La commedia si ingarbuglia quando Liolà ingravida Tuzza, nipote del ricco Zio Simone, che vorrebbe far credere di essere il padre del bambino per nascondere la propria sterilità.

Oggi, invece,  il testo di Pirandello diventa uno spettacolo corale, una commedia musicale dove il ritmo, le musiche le danze e i giochi linguistici disegnano un grande affresco popolare.

E a Paride Benassai è stato affidato il ruolo, inedito nel testo, di Pauluzzu ‘u fuoddi, sintesi filologica di tutto il pensiero pirandelliano.

Liolà Ovadia Incudine

Secondo Ovadia e Incudine Liolà è “un’opera a tutto tondo, che mescola prosa e musica in una grande favola vicina al mondo dell’opera popolare. Il protagonista rappresenta la vita, il canto, la poesia, il futile ancorché necessario piacere. Lui è l’amore e la morte, il sole e la luna, il canto e il silenzio, il sangue e la ferita, incarna in sé il Don Giovanni di Mozart e il Dioniso della mitologia, governato dall’aria che fa ruotare il suo cervello come un firrialoru, un mulinello“.

Repliche fino al 20 maggio; sul sito del Teatro il calendario completo.

  • Foto di scena di Rosellina Garbo.
                                                   
GUARDA IN ALTO IL TRAILER DELLE PROVE
© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.