Teatro Biondo: in "Marat Sade" tesi e antitesi della rivoluzione francese | VIDEO Interviste :ilSicilia.it
Palermo

Prima nazionale con Claudio Gioè e Filippo Luna

Teatro Biondo: in “Marat Sade” tesi e antitesi della rivoluzione francese | VIDEO Interviste

di
29 Febbraio 2020

Guarda le video interviste in alto

Scena aperta e luci in sala: entrano così sul palcoscenico del Teatro Biondo di Palermo gli attori, anime alla deriva, dello spettacolo, che ha debuttato in prima nazionale, “Marat Sade” di Peter Weiss, per la regia di Claudio Gioè, con la collaborazione di Alfio Scuderi.

Marat Sade Claudio Gioè
Claudio Gioè

Ai cinque rintocchi calano le luci e, sulle note della marsigliese, gli ospiti dello manicomio di Charenton vestono i ruoli voluti dal Marchese di Sade – in scena è lo stesso Gioè a interpretarlo – per raccontare gli ultimi momenti di vita dell’amico Jean-Paul Marat – un appassionato Filippo Luna – prima del suo assassinio.

Sono “attori ai primi esperimenti“, ma non per questo meno convincenti, perché, recita l’attualissimo e contemporaneo testo di Weiss, “le arti belle si insegnano ai malati“.

Marat Sade, il cui titolo esteso è “La persecuzione e l’assassinio di Jean-Paul Marat, rappresentati dai filodrammatici di Charenton, sotto la guida del Marchese di Sade”, andò in scena per la prima volta allo Schiller Theater di Berlino nel 1964 con la regia di Konrad Swinarski.

Tre anni dopo, alla vigilia di quel ’68 che scuoterà l’Europa e il mondo intero, questo dramma in due atti, che propone una potente riflessione sul senso della rivoluzione francese e dei suoi protagonisti, avrà la sua consacrazione nella versione cinematografica di successo diretta da Peter Brook.

Il testo di Weiss vede da un lato il personaggio di Marat, “marxista” ante-litteram, completamente immerso nella necessità dell’azione, un rivoluzionario puro, e dall’altro il borghese intellettuale Sade, che rivendica l’importanza di un individualismo soggettivo e libero, anticipando le derive solipsistiche dell’intellettuale moderno.

Marat Sade

Io non so se sono il baro o la vittima“: tesi ed antitesi sono messe in scena, dall’intera compagnia di pazzi (Silvia Ajelli, Antonio Alveario, Giulia Andò, Maurizio Bologna, Giulio Della Monica, Germana Di Cara, Ermanno Dodaro, Gaia Insenga, Raffaele Pullara, Fabrizio Romano), diretta dallo stesso Sade, e il manicomio – nella bella scena allestita da Enzo Venezia (assistente scenografa Giusi Giacalone), che ha curato pure i costumi (con l’assistenza di Ylenia Modica) – diventa un luogo dove la libertà viene evocata e agita in tutta la sua forza. Le musiche originali, eseguite dal vivo, sono di Andrea Farri; efficace il progetto luci di Luigi Biondi; il suono è di Pippo Alterno; trucco Gaetano Pusanti.

Repliche fino all’8 marzo; qui il calendario dei diversi giorni.

  • Foto di scena di Rosellina Garbo.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.