Teatro: Dario Muratore riporta in scena il suo "Tripolis" :ilSicilia.it
Palermo

il 5, 6 e 7 dicembre

Teatro: Dario Muratore riporta in scena il suo “Tripolis”

di
5 Dicembre 2019

Torna in scena, giovedì 5 alle ore 21, sul palco dello Spazio Franco ai Cantieri Culturali alla Zisa, Tripolis dell’autore e interprete palermitano Dario Muratore.

L’opera, già apprezzata da critica e pubblico, è una narrazione sull’identità che attraversa le generazioni e inizia al tempo della colonizzazione italiana in Libia.

Il pretesto narrativo serve a Muratore per trattare la storia e riproporla con la lucidità dell’occhio contemporaneo.

Dario Muratore
Dario Muratore

Un giovane uomo chiede a una vecchia donna quali siano le tracce della propria origine: la Libia, Tripoli, la colonia italiana. Attraverso il topos Nonna/Nipote viene evocato un secolo di storia, di vita, di morte ma soprattutto d’incontro tra due identità: quella del colonizzatore e del colonizzato, quella italiana e quella araba che si ritrovano a condividere una terra, una città, un deserto, un’anima.

Cocci di vita di una donna italiana, colonizzatrice, culturalmente fascista. La sua storia, la sua visione intima e la sua alterità nei confronti del dominato.

Ma cosa succede quando l’Italia perde il dominio politico e la situazione improvvisamente si ribalta? L’arabo ritorna a essere il padrone della propria terra e l’italiano diviene ajsnabi, straniero.

Note dell’autore

Tripolis è lo sviluppo di un’indagine che ha come punto di partenza le domande: “Chi è l’altro? Chi è lo straniero?”. Che sottintendono: “Chi sono io? Chi siamo noi?”

In quanto il discorso sull’altro è solamente un modo per parlare, definire e riconoscere se stessi sulla base delle differenze e dell’alterità. Queste hanno un carattere esclusivamente relazionale, non possono esistere isolate, e quindi la differenza non possiede una propria essenza naturale.

Il risultato è sempre un confronto, in cui almeno uno dei due soggetti considera l’altro diverso da sè e quindi lo definisce straniero. Tale definizione può svilupparsi nell’individuo in un processo intimo, riflessivo, alienante e spesso autodistruttivo. Forse solo tornando indietro, indagando le proprie origini in un processo di resilienza, coccio dopo coccio è possibile ritrovare la propria essenza e posizione nel mondo.

Il testo Tripolis è anche un libro, edito da Torri del Vento; lo spettacolo replicherà venerdì 6 e sabato 7 (ore 21).

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro