Teatro, Davide Enia debutta al Biondo con "L'abisso" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 30 novembre

Teatro, Davide Enia debutta al Biondo con “L’abisso” | VIDEO

di
16 Novembre 2018

Guarda il video in alto 

Con la sapienza che lo contraddistingue, nel gestire che le parole, Davide Enia racconta sul palco del Teatro Biondo di Palermo “L’abisso“: lo spaesamento, il dolore e la rabbia che affiorano dinanzi alla grande tragedia contemporanea degli sbarchi sulle coste del Mediterraneo.

Dal 16 al 30 novembre, in Sala Grande, accompagnato sul palco dalle musiche di Giulio Barocchieri, Enia condividerà con il pubblico le parole che è andato a cercare Lampedusa, dove ha assistito agli sbarchi dei profughi, raccogliendo per mesi le testimonianze dei sopravvissuti e dei testimoni.

Enia L'abisso

Non riuscivo davvero a trovare le parole e i concetti per nominare la vastità dell’evento che ci era arrivato addosso“, spiega. Allora, seguendo una traccia suggerita dal padre, rintraccia “un naufragio personale, intimo, privato“, per “sviscerarlo, comprendere in che modo siamo sopravvissuti a esso, stabilire una relazione con quanto accade in mare aperto. Così, nel tentativo di elaborare quanto scoprivo, relazionandomi con i primi attori della Storia, mi sono trovato a raccontare anche ciò che succedeva nella mia vita personale in quei mesi“.

Ed ecco che il testo prende forma, diventando allo stesso tempo testimonianza storica e percorso esistenziale che riguarda tutti noi.

Enia e Barocchieri lavorano nello spettacolo su più registri, includendo nella loro ricerca gli antichi canti dei pescatori, intonati lungo le rotte tra Sicilia e Africa, e il cunto palermitano, spostando l’elemento epico dallo scontro tra i paladini a un nuovo campo di battaglia: il mare aperto, dove il salvataggio è una questione di secondi, le manovre sono al limite dell’azzardo, la velocità di scelta determina tutto e risalta ancora di più.

Non ultima l’interpretazione: quando le parole dei testimoni si fanno carne consentono l’epifania del personaggio.

L’abisso è una riflessione, figlia del lavoro sul campo, su quanto sta accadendo, per riportare con urgenza, nello spazio condiviso del teatro, il tempo presente e la sua crisi: “Oggi l’abisso non è un vuoto, è uno specchio. C’è riflessa l’immagine di chi abbiamo deciso di essere“.

Scritto e interpretato dallo stesso Enia lo spettacolo ha è stato accolto con successo di pubblico e critica a Roma dove è gia andato in scena; produzione Teatro di Roma – Teatro Nazionale / Teatro Biondo Palermo / Accademia Perduta – Romagna Teatri in collaborazione con Festival Internazionale di Narrazione di Arzo.

Ulteriori informazioni su repliche e biglietti sul sito del Teatro.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro