18 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.35
Palermo

venerdì 21 giugno

Teatro di Verdura: uno spettacolo a sostegno delle “Donne di Benin City” | Video interviste

18 Giugno 2019

Guarda le video interviste in alto 

Benin City – Palermo: la sfida del coraggio” è il titolo dello spettacolo che, venerdì 21 giugno, ore 21, al Teatro di Verdura verrà messo in scena grazie all’operato di Antonietta Alongi, console onorario a Palermo della Repubblica di Capo Verde.

Antonietta Alongi
Antonietta Alongi

L’intero ricavato, come ci ha detto nella video intervista la console Alongi, sarà devoluto all’associazione Donne di Benin City, costituita nel 2015 da donne nigeriane ex vittime di tratta e della prostituzione dopo l’ennesimo omicidio di una di loro.

I fondi serviranno a finanziare la casa famiglia, ricevuta in comodato d’uso da privati, a San Giuseppe Jato, in provincia di Palermo, che è stata nominata dalle stesse ragazze “Iyobosa”, che in uno dei dialetti della lingua nigeriana significa “con l’aiuto di Dio“, destinato ad ospitare le ragazze nigeriane che riescono a trovare la forza di ribellarsi, di denunciare e sfuggire all’orrore di questa forma di schiavitù e che grazie all’aiuto dell’associazione riescono a riscattarsi e reinserirsi nel tessuto sociale.

Il progetto, attraverso il potere evocativo del teatro-danza, metterà in scena il dramma delle donne costrette alla prostituzione.

Manuela Tarantino
Manuela Tarantino

Diversi momenti si alterneranno: Osas reciterà “La Sfida“, testo di Antonella Vinciguerra; la scuola di danza Oikoscoreia, con un corpo di ballo composto da quaranta studentesse presenterà la coreografia, curata da Manuela Tarantino, dal titolo emblematico “Il coraggio“.

Chiuderà la serata il pluripremiato cortometraggio “Parru pi tia” del giovane regista palermitano Giuseppe Carleo, vincitore di numerosi premi nazionali e internazionali, che racconta di un filtro d’amore, una magaria che, idealmente si collega alla triste realtà dei riti voodoo, che purtroppo condizionano le vite delle povere ragazze ridotte in schiavitù.

Accompagnano gli spettatori per i corridoi del teatro le fotografie di Pino DiceviGuerre e conflitti nel mondo e migrazioni“. Tutti gli artisti prestano la loro opera a titolo gratuito.

Partecipare alla serata in programma sarà l’occasione lieta per assistere ad uno spettacolo teatrale ma anche la possibilità, concreta, di contribuire con una libera offerta al sostegno delle vittime della prostituzione.

L’evento è promosso con il patrocinio del Comune di Palermo, della Croce Rossa Italiana, dei Consolati Onorari di Brasile, Burkina Faso, Cile, Costa d’Avorio, Ghana, Marocco, Olanda, Repubblica Ceca, Ungheria, numerose associazioni benefiche tra cui Fidapa sezione di Canicattì, Cesvop, Rotary Club Palermo Mondello, Avvocato di strada, Cesie, Send, Centro studi Pio La Torre, Casa Mediterranea delle Donne, Anda, Rete italiana raccolta farmaci e strumenti medici per i paesi africani, e alcuni privati tra cui Chopin Service, Body Club e My English School.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.