Teatro Ditirammu: per "Baglio di Vito" in scena Paride Benassai e Daniele Billitteri :ilSicilia.it
Palermo

Il 23 e 24 settembre

Teatro Ditirammu: per “Baglio di Vito” in scena Paride Benassai e Daniele Billitteri

di
21 Settembre 2017

Il prossimo weekend il piccolo Teatro Ditirammu, all’interno della rassegna “Baglio di Vito” 2017, presenterà al pubblico due appuntamenti.

Aprirà, sabato 23 alle 21,30, Paride Benassai con lo spettacolo “A Vito”, un racconto molto poetico.

L’omaggio al fondatore del piccolo teatro di Benassai è un canto d’amore sospeso tra cielo e terra, come buona parte di un teatro palermitano che ha raccontato la città da un punto di vista altro.

Sullo sfondo ci sono i vicoli, le trazzere, i bagli di Palermo mescolati ai ricordi e alle “abbanniate”.

Storie trasfigurate poeticamente, piccole scaglie di verità di un’anima che si accinge al trapasso da una vita ad una nuova vita, la Palermo dell’invisibile.

In scena con Benassai anche Rosellina Guzzo con la sua arpa, per un viaggio che è un incontro tra la musica e la vibrazione della parola. Un viaggio che parte dalla città colorata e passionale, popolare ed ironica, la città dei ricordi e della memoria, per approdare nella città bianca, quella metafisica e trascendentale, la città invisibile della vita oltre la vita.

Domenica, invece, alle 21:30, Daniele Billitteri racconterà i Tamuna.

Con loro, più che mai, è la somma che fa il totale, come diceva Totò. La storia del gruppo palermitano, vincitore tra l’altro del prestigioso Premio De André, è quella di quattro musicisti capaci di diventare la parte di un tutto, dove ciascuno mette del suo pur mantenendo il proprio stile.

Il gruppo è composto da Carlo “Charlie” Di Vita (chitarra solista), Giovanni Parrinello (percussioni, musica e testi in inglese), Marco Raccuglia (chitarra, testi e musica) e Riccardo Romano (basso e musica),  insieme dal 2013.

Lo spettacolo avrà la forma di una pièce teatrale in equilibrio tra parole e musica con il gruppo impegnato a offrire al pubblico una larga parte del proprio repertorio compresi “Gerlando” e “Femmina”, brani ispirati da due libri di Billitteri (Homo Panormitanus e Femina Panormitana), chiave di questa collaborazione.

I Tamuna, fortemente legati al Teatro Ditirammu, non fosse altro per la presenza nel gruppo di Giovanni Parrinello, percussionista ma anche figlio di Vito Parrinello, il fondatore del teatro insieme con la moglie Rosa Mistretta, non hanno mai tradito le loro radici e i frutti che sono germogliati vanno ben oltre la tradizione folkloristica

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin